Grammy 2021, i vincitori: Beyoncé nella storia con 28 trionfi – Taylor Swift disco dell’anno, premiata Dua Lipa

Condividi

Non solo la figlia di 9 anni.
Notte da record per Beyoncè, con 3 Grammy vinti e un totale di 28 trionfi.
Superata la violinista statunitense Alison Krauss, ferma a 27.

Taylor Swift ha fatto suo il Grammy dell”Album dell’anno’, con ‘Folklore’, diventando così la prima donna di sempre a vincere per tre volte nella stessa categoria, eguagliando Frank Sinatra, Stevie Wonder e Paul Simon. Miglior album pop a Dua Lipa con “Future nostalgia”, mentre Billie Eilish ha vinto il “Record of the Year” con ‘Everything I Wanted’. Billie ha vinto anche il Grammy per No time to Die, brano portante del nuovo 007. Non era mai successo che venisse premiata una canzone di un film ancora inedito.
‘I Can’t Breathe’ di H.E.R. è stato eletto brano dell’anno, ‘Song Of The Year’, mentre Megan Thee Stallion è stata premiata come miglior artista emergente ed è diventata la prima rapper donna a vincere per la miglior canzone rap. 3 i Grammy complessivi portati a casa. Un’edizione tutta al femminile, con Lady Gaga e Ariana Grande premiate per Rain on Me, mentre Harry Styles ha vinto il Grammy come ‘Best Pop Solo Performance’ con Watermelon Sugar. Primo storico trionfo per l’ex One Direction.

Registrazione dell’anno (Record of the Year)
Everything I Wanted – Billie Eilish

Canzone dell’anno (Song of the Year)
I Can’t Breathe – H.E.R.

Album dell’anno (Album of the Year)
Folklore – Taylor Swift

Miglior artista esordiente (Best New Artist)
Megan Thee Stallion

Pop
Miglior interpretazione pop solista (Best Pop Solo Performance)
Watermelon Sugar – Harry Styles

Miglior interpretazione pop in un duo o in un gruppo (Best Pop Duo/Group Performance)
Rain on Me – Lady Gaga & Ariana Grande

Miglior album pop vocale (Best Pop Vocal Album)
Future Nostalgia – Dua Lipa

Miglior album pop tradizionale (Best Traditional Pop Vocal Album)
American Standard – James Taylor

Dance/Elettronica
Miglior registrazione dance (Best Dance Recording)
10% – Kaytranada feat. Kali Uchis

Miglior album dance/elettronico (Best Dance/Electronic Album)
Bubba – Kaytranada

Musica strumentale contemporanea
Miglior album di musica strumentale contemporanea (Best Contemporary Instrumental Album)
Live at the Royal Albert Hall – Snarky Puppy

Rock
Miglior interpretazione rock (Best Rock Performance)
Shameika – Fiona Apple

Miglior interpreatazione metal (Best Metal Performance)
Bum-Rush – Body Count

Miglior canzone rock (Best Rock Song)
Stay High – Brittany Howard

Miglior album rock (Best Rock Album)
The New Abnormal – The Strokes

Alternative
Miglior album di musica alternativa (Best Alternative Music Album)
Fetch the Bolt Cutters – Fiona Apple

R&B
Miglior interpretazione R&B (Best R&B Performance)
Black Parade – Beyoncé

Miglior interpretazione R&B tradizionale (Best Traditional R&B Performance)
Anything for You – Ledisi

Miglior canzone R&B (Best R&B Song)
Better Than I Imagine – Robert Glasper feat. H.E.R. & Meshell Ndegeocello

Miglior album R&B progressivo (Best Progressive R&B Album)
It Is What It Is – Thundercat

Miglior album R&B (Best R&B Album)
Bigger Love – John Legend

Rap
Miglior interpretazione rap (Best Rap Performance)
Savage (Remix) – Megan Thee Stallion feat. Beyoncé

Miglior interpretazione rap melodica (Best Melodic Rap Performance)
Lockdown – Anderson Paak

Miglior canzone rap (Best Rap Song)
Savage (Remix) – Megan Thee Stallion feat. Beyoncé

Miglior album rap (Best Rap Album)
King’s Disease – Nas

Country
Miglior interpretazione country solista (Best Country Solo Performance)
When My Amy Prays – Vince Gill

Miglior interpretazione country di un duo o un gruppo (Best Country Duo/Group Performance)
10,000 Hours – Dan + Shay & Justin Bieber

Miglior canzone country (Best Country Song)
Crowded Table – The Highwomen

Miglior album country (Best Country Album)
Wildcard – Miranda Lambert

Musica per arti visive
Miglior raccolta di colonna sonora per arti visive (Best Compilation Soundtrack for Visual Media)
Jojo Rabbit – AA.VV.

Miglior colonna sonora per arti visive (Best Score Soundtrack for Visual Media)
Joker – Hildur Guðnadóttir

Miglior canzone per arti visive (Best Song Written for Visual Media)
No Time to Die – Billie Eilish (interprete); Billie Eilish O’Connell e Finneas O’Connell (autori) (da No Time to Die)

Autore

Articoli correlati