Sanremo 2018, i voti finali ad un gran bel Festival

Condividi

     DVvo-w5WkAAf6S6

Ora che è finito, dopo 5 giorni da ascolti record e canzoni a pioggia, il Claudio Baglioni & Friends, detto anche Festival di Sanremo 2018, può andare incontro alle sue inevitabili pagelle finali.
Partito impacciato, il carrozzone ha ingranato tanto la terza quanto la quarta il giovedì sera, imboccando una strada meravigliosamente in discesa, tra qualità, quantità e capacità. Da allora, va detto, Sanremo 2018 non ha più sbandato, arrivando al traguardo tra applausi festanti. E meritati.

DVgxacaWkAAJ63r

Claudio Baglioni: immobile, tirato, apparentemente inappropriato. Il Claudio dell’esordio ha fatto quasi rimpiangere il tanto chiacchierato Gianni Morandi di qualche anno fa, per poi sciogliersi con Virginia Raffaele e non fermarsi più. Simpatico, autoironico, sempre un passo indietro rispetto ai due compagni d’avventure e pronto a cantare qualsiasi cosa e in qualsiasi momento, Baglioni ha sorpreso, riportando veramente la musica al centro della scena festivaliera. Altro ci sarebbe da dire sui brani in gara, alcuni dei quali davvero inutili e impresentabili, ma il suo perfezionismo da palco ha convinto. E vinto. Così come le scelte legate ai due veri conduttori del Festival. Voto: 8

Schermata 2018-02-11 alle 10.47.45

Michelle Hunziker: altro che ‘spalla’. La signora Trussardi è stata la vera padrona di casa di Sanremo 2018. Di una bellezza travolgente, elegante e sempre sorridente, Michelle è una macchina perfetta nel momento in cui nulla rispetto a quanto provato e deciso va fuori posto. In caso contrario si perde, viene a galla la sua glacialità, la sua incapacità ad essere empatica. Pone domande senza ascoltare le risposte, tronca quando si scazza, si esalta per niente, ma tiene il palco con una disinvoltura invidiabile. E non è da tutti. Nelle ultime 3 serate ha lavorato di sottrazione, dopo aver urlato ‘pazzesco’ e ‘meraviglioso’ ad ogni uscita, migliorando sensibilmente. Voto: 7

Schermata 2018-02-11 alle 10.47.38

Pierfrancesco Favino: si era capito in conferenza stampa, a pochi giorni dal via di Sanremo 2018, che sarebbe stato lui la vera sorpreda di Sanremo 2018. E così è stato. Favino ha fatto tutto e tutto straordinariamente. Ha recitato, presentato, ballato, cantato, imitato, scherzato, improvvisato. Un talento del cinema italiano più unico che raro che ha osato rischiare, perché il Festival può indubbiamente essere uno strepitoso trampolino di lancio ma anche una pericolosa gogna nazionale. Lui, già divo da oltre un decennio, non ha fatto altro che abbracciarlo, uscendone trionfante. Voto: 10

DVvoZSsX4AA6ZbY

Ospiti: di internazionale non si è visto nessuno, o quasi, ma l’idea di far arrivare i super ospiti per omaggiare la musica italiana è stata vincente. Baglioni, sulla cui incredibile voce nulla si può dire, ha duettato con tutti, regalando squarci di puro spettacolo canoro. Giorgia e James Taylor, Baglioni con Laura, Gianna, Fiorella, Vecchioni, Morandi, i Negramaro, lo stupendo Gino Paoli. Grandi cantanti, grandi canzoni e grandi duetti, anche il venerdì sera, senza dimenticare il Fiorello Show dell’esordio e la travolgente Virginia Raffaele di giovedì, che ha dato una svolta al Festival e definitivamente scongelato il direttore artistico formato Belen. Niente inutili e strapagati divi hollywoodiani, poche fastidiose marchette. Voto: 7

Schermata 2018-02-10 alle 10.11.36

Canzoni: ascoltandole tutte e 20 per 5 sere consecutive, alla fine della fiera, sono cresciute. E’ indubbio. Ma il pezzone da Festival, quello che tra anni ricorderemo con piacere, cantandolo a squarciagola, è mancato. Non si è mai sentito. Brani orecchiabili, alcuni, radiofonici, ma il guizzo non c’è stato. Alcuni impresentabili, altri inutili, deludenti. Paradossalmente sono state proprio le canzoni l’anello debole di una macchina che dopo aver faticato ad ingranare, ha viaggiato in scioltezza e sicurezza. Voto: 6

DVvoX4-WsAABapa

Mamma Rai: in nessun altro Paese al mondo esiste una trasmissione televisiva come il Festival di Sanremo. In nessun altro Paese al mondo tutto si ferma per 5 giorni, con metà della platea tv incollata allo schermo a cantare le stesse canzoni, sera dopo sera. Questo avviene solo in Italia e a mamma Rai va dato il merito di aver riportato l’Ariston ai fasti di un tempo, a quegli anni ’90 in cui lo Stivale si paralizzava su Rai 1. Merito di Carlo Conti, che nei 3 anni precedenti ha fatto un lavoro straordinario per far tornare il Festival al suo dna nazional popolare, e di quel Baglioni che ha puntato al popolar-nazionale. Ma è merito anche del servizio pubblico, che ha spalmato Sanremo in tutti i suoi canali, ad ogni ora del giorno e della notte, per una settimana da ascolti record. Incassi stellari, guadagni mostruosi, concorrenza inesistente. Voto: 8

Mediaset: ed è qui che entra in gioco il Biscione, da anni in disparte quando Sanremo riaccende le luci. Sono finiti i tempi in cui il Gf batteva Sanremo, Zelig andava allo scontro insieme a C’è posta per Te e Striscia la Notizia sbarcava in massa al Festival, per smascherare plagi e annunciare i vincitori prima della finale. Mediaset si cala le braghe, davanti all’Ariston, con repliche su repliche e programmi di successo mandati in ‘vacanza’, pur di non infastidire la concorrenza, che ovviamente gioisce e si lecca i baffi. Ma quanto durerà questa pax festivaliera? Voto: 1

All’anno prossimo. A me già manca.

Schermata 2018-02-11 alle 10.47.52

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Gelido 12 Febbraio 2018 at 13:26

    Concordo. Aggiungerei anche che Baglioni oltre a sfatare il mito dell’ospitone straniero (con i soldi che dai ad un inutile Hugh Grant ci paghi almeno 4 eccellenti cantanti italiani che ti intrattengono con classe! per non parlare delle inutili starlet da copertina che, sì creano grande attesa, ma una volta sul palco l’unica curiosità che suscitano sta nella possibilità di vedere una tetta!), ha abbattuto anche la credenza che l’eliminazione fosse indispensabile “perchè la gente vuole il sangue!” o “ormai sono abituati a talent”: beh a quanto pare è una gran cazzata, se costruisci uno spettacolo fatto bene, il sangue passa in secondo piano… anzi… quella strana classifica a colori alla fine ha lascato un minimo di interesse per il risultato finale, perchè se avessimo visto le classifiche tutte le sere la vittoria dei due sarebbe stata davvero troppo scontata

  • Giacomo Recchia 12 Febbraio 2018 at 0:50

    il festival dell’ipocrisia.

  • Marisa Passera 11 Febbraio 2018 at 23:48

    No bambola mi si è incastrato nel buco del culo

  • ziaassunta 11 Febbraio 2018 at 20:36

    Alla fine Mediaset durante Sanremo non è in garanzia poi spesso presta volti su cui poi ha un ritorno vedi il 30% della De Filippi, adesso uno show con la Hunziker.

  • Raphaello 11 Febbraio 2018 at 19:36

    D’accordo Su tutto tranne che il 7 alla Hunziker: bella,bellissima,sciolta,scioltissima,televisiva,televisivissima, ma forse nessuno l’ha Avvertita che non stava a Zelig ma sul palcoscenico di Sanremo? Mi rendo conto che in Tv questo funziona, ma io da spettatore di un Festival,mi sarei aspettato una presentatrice raffinata,competente,oppure come minimo di talento, non una che indossa abiti di alta moda che costano quanto un bilocale in centro,con un tatuaggio circolare sul braccio…non sei in spiaggia a giocare a racchettoni cara…

  • ziaassunta 11 Febbraio 2018 at 19:33

    condivido l’analisi. Aggiungerei un bel voto anche agli 8 giovani.

  • bix 11 Febbraio 2018 at 16:59

    Il telecomando te l’aveva mangiato il gatto, amore?

  • Marco 11 Febbraio 2018 at 16:01

    – Hai dimenticato Vecchioni
    – Mediaset per una volta fa bene e gli dai addosso, è una forma di rispetto verso il Fesival non dare controprogrammazione pesante e lasciar sì che “perdano” questa settimana
    – Rai brava nell’allestimento di Sanremo ( scelta direttore, conduttori, regia, gag ecc.. che nopn sono state certo scritte da Baglioni bensì da una persona o un team di cui non si sa nulla, o almeno io non lo so. Ma tra gli autori ho letto MAX NOVARESI, non so se vi rendete conto, proprio lui quello che c’è dietro anche al GF e tante altre cagate.
    Unica cosa l’anno deve fare bene la Rai e mi aspetto lo faccia. Su tutto il resto ha cannato: via Savino e Gialappa’s, Fazio in Rai perdendo sempre più share soprattutto di lunedì, Parodi la Domenica….tutto ha sbagliato, TUTTO.
    – Troppe gag e tutto mandato in caciara l’ultima sera, non mi ha fatto impazzire ieri.

  • ilritorno 11 Febbraio 2018 at 15:35

    per una volta l’analisi di apo è lucida e imparziale. tu piuttosto cosa hai visto?

  • bix 11 Febbraio 2018 at 14:36

    Condivido praticamente tutto quello che hai scritto. L’unico appunto è che non avrei permesso agli ospiti italiani di promuovere il loro singolo attuale: se hai qualcosa di nuovo da promuovere ti presenti in gara altrimenti fai qualcosa di artisticamente rilevante ma non di commerciale.
    Per cui cara Pausini va benissimo il duetto con Baglioni, va anche bene “Come se non fosse stato mai amore” ma ” Non è detto” dovevi risparmiartela.

  • Alita 11 Febbraio 2018 at 14:13

    Alla faccia del FLOP annunciato.

  • dert 11 Febbraio 2018 at 13:01

    7 poco a Michelle.
    8 troppissimo per Baglioni

  • Marisa Passera 11 Febbraio 2018 at 12:07

    fortuna che è finito..che noia

  • Giacomo Recchia 11 Febbraio 2018 at 12:07

    ma che festival hai visto?