x

Grande Fratello Vip, omofobia sotto il tappeto e Marco Predolin promosso Capitano

Condividi

Solo un anno fa Clemente Russo, pugile olimpionico, veniva cacciato a furor di popolo dalla casa del Grande Fratello Vip dopo aver rilasciato violente dichiarazioni sessiste e omofobe.
Passato un anno, purtroppo, all’interno della casa tutto è cambiato.
In 15 giorni appena abbiamo visto Giulia De Lellis dichiarare che i ‘figli dei gay diventano gay’, per poi sottolineare come lei, a gay e drogati, l’eventuale tiro di sigaretta richiesto fa schifo. Marco Predolin, poi, ha passato 2 settimane a deridere ‘la Malgioglia’, facendo un distinguo tra omosessuali ‘normali’ e non, sognando prima un suo rogo alla Giovanna d’Arco, poi un’impiccagione e infine un pestaggio di gruppo.
Di carne sul fuoco della diretta ce n’era a bizzeffe, eppure autori e conduttori hanno inspiegabilmente deciso di sorvolare.
Salvi da qualsiasi ‘cazziatone’ live la De Lellis, miracolata e a questo punto protetta da non si sa chi, e Jeremias Rodriguez, così come Predolin, incappato in una misera tirata d’orecchie da Alfonso Signorini e paradossalmente promosso a CAPITANO della casa (con tanto di immunita’ per la prossima settimana).
Cornuti e mazziati, in sostanza, con il direttore di Chi che ha promesso lui nuove sfuriate tra 7 giorni per quanto detto nelle ultime ore. Peccato che rimandare a lunedì prossimo quanto avrebbe avuto senso far oggi, è particolarmente illogico. Un reality deve vivere sul quotidiano, sul vissuto del momento, e vedere proprio lui, Predolin, far sua la corona di ‘capo’ dopo giorni e giorni di insulti e minacce fa onestamente imbestialire. Per non dire indignare.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Patrick Padova 28 Settembre 2017 at 1:18

    Vedo che il tuo buontempo ti consente di leggere tutto quello che scrivo, aprire il mio profilo, spiarlo… Ti documenti attentamente, vedo. Nulla di più interessante da fare?
    Io al posto tuo proverei a farmi una vita. Ci avevi mai pensato?

  • Darkdome 27 Settembre 2017 at 7:59

    Beh, in realtà sì, è proprio questo il problema. Determinate parole acquisiscono/perdono alcuni significati all’interno di determinati gruppo sociali e vengo accettate e tollerate solo se dette da persone appartenenti a quel gruppo. Il contesto sociale è fondamentale in questi casi.

  • Galina Padovanska 26 Settembre 2017 at 18:19

    Sarà il 50mo post che scrivi sull’argomento, a proposito di patologie.
    Concentrati più sulla foto che hai messo sul profilo, hai le tette mosce.

  • Pietrop 26 Settembre 2017 at 15:51

    Abbi pazienza però… Mi stai simpatico ma Tu pure che continui a fare eco a questo ciarpame ! E basta no?
    Ignorarli e basta. Non capite che autori, conduttori, produttori, responsabili di palinsesto ecc ecc si cibano principalmente delle vostre incazzature?
    BASTA!!!

  • Paolo Absolutamente Quilici 26 Settembre 2017 at 8:46

    E tu, e con te tanti altri blog gay o gayfriendly, continui a dedicargli un sacco di spazio…

  • Mr. Radio 26 Settembre 2017 at 6:37

    GFVip: dove si premia volgarità, omofobia, incitamento al bullismo e ignoranza a tutto spiano.

    Ieri per me è stata l’ultima puntata.

    Bye bye Mediaset

  • Patrick Padova 26 Settembre 2017 at 3:15

    Quindi, se tra noi ci appelliamo al femminile va tutto bene, mentre se lo fa un etero deve essere esposto alla gogna pubblica?
    Per me non sapete più dove infilare la parola “omofobia”, davvero, è quasi patologico tutto ciò.

  • Marisa Passera 26 Settembre 2017 at 2:24

    una vergogna

  • maxmakeup 26 Settembre 2017 at 2:07

    Credo che potremmo iniziare a non seguire più questo programma.

  • Fritz Cavallo 26 Settembre 2017 at 1:29

    Ti aspetti troppo dal Grande Fratello. Se è per definizione un programma spazzatura un motivo ci sarà