#Sanremo2016, trionfo Stadio che dicono NO all’Eurovision – Patty Pravo solo sesta

Condividi

CbIoiuEUUAAeFV9

 

16) Irene Fornaciari
15) Dolcenera
14) Bernabei
13) Scanu
12) Elio e le storie tese
11) Annalisa
10) Arisa
9) Rocco Hunt
8) Noemi
7) Clementino
6) Patty Pravo
5) Lorenzo Fragola
4) Enrico Ruggeri
3) Giovanni Caccamo – Deborah Iurato
2) Francesca Michielin
1) Gli Stadio

CbIpyvPW0AALFvm

Schermata 2016-02-14 alle 02.15.45

Come vuole tradizione, il Festival di Sanremo 2016 ha deragliato proprio sul più bello, ovvero su quella classifica finale che ha fatto sobbalzare molti telespettatori.
Perché se è vero che alla vigilia il duetto Iurato-Caccamo era il favorito numero 1 tra gli scommettitori, una volta ascoltato il brano e soprattutto vista l’algida alchimia tra i due nessuno, ma proprio nessuno, avrebbe potuto immaginare un podio. E invece l’impossibile è diventato realtà, con Patty Pravo solo sesta (suo il premio della critica Mia Martini) e le altre 3 donne ‘forti’ dell’Ariston, Noemi, Arisa ed Annalisa, tra l’ottavo e l’undicesimo posto. Addirittura dietro a Clementino! A trionfare con Un giorno mi Dirai (un anno fa SCARTATA da Conti&Co) proprio quegli Stadio (da me ahimè pronosticati vincitori) che MAI, in 5 giorni, hanno portato sul palco i colori dell’arcobaleno. Proprio quegli Stadio che avevano incredibilmente vinto anche la serata cover. Proprio quegli Stadio che con Gaetano Curreri (visibilmente svociato) non hanno preso un acuto in tutta la settimana.
Proprio quegli Stadio che teoricamente, regolamento alla mano, dovrebbero rappresentare l’Italia all’Eurovision 2016.
Paura? Ma calmi, tranquilli, perché gli Stadio hanno UFFICIALMENTE rinunciato alla partecipazione, come comunicato dall’account ufficiale Eurovision Rai. Bisognerà quindi ora capire CHI mandare in Svezia, tra 3 mesi circa.
Medaglia d’argento per Francesca Michielin, che è cresciuta giorno dopo giorno, composta ed elegante, live dopo live, senza mai sbagliare una nota. Avrebbe meritato la vittoria, tra quei 3 finalisti, e invece si è fermata proprio sul più bello. Che sia proprio lei a volare a Stoccolma?
Che le classifiche finali del Festival facciano incazzare, va detto, è cosa nota.
E’ la STORIA a raccontarcelo, e anche questa edizione da ascolti record e mai tanto rainbow, più vicina a TORRE DEL LAGO che a Sanremo, non è stata da meno.
Peccato. Ma ora voglio proprio spulciare le classifiche del televoto-giuria demoscopica-qualità, domani, perché qui è accaduto qualcosa che si fa davvero fatica a spiegare.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Shkval 19 Febbraio 2016 at 8:26

    Se vuoi prendiamo una registrazione di Battisti e la confrontiamo con
    una performance degli Stadio e vediamo chi canna di più. Io non ho certo
    problemi a farlo. A quanto pare tu sì invece. Il che la dice tutta
    sulla tua capacità di ascolto. Solo un fan rincoglionito degli Stadio
    difenderebbe quella merda che si è sentita a Sanremo, chi ha le orecchie
    sturate dal cerume e dalla stupidità (non è il tuo caso) non ci prova
    neanche. Ciò che esprimo, caro astioso utente, non è un mio partere ma sono fatti oggettivi che la tua abissale ignoranza in materia musicale ti impedisce di accettare come tali.

  • Madi 18 Febbraio 2016 at 20:31

    1. Non sono “i miei” Stadio.
    2. battiisti azzeccava qualche performance? al massimo qualche nota, ma meno male che la dura di orecchie ero io.

    3. si, tu hai le orecchie collegate al cervello. Purtroppo per te, sono emigrati all’estero e ti hanno lasciato qui a scrivere stronzate..

    4. chi se ne fotte del tuo parere? una canzone diventa grande quando la gente la applaude e va a comprarlo, beethoven che non sei altro.
    5. fottiti.

  • Shkval 17 Febbraio 2016 at 19:20

    Battisti almeno una performance su tre l’azzeccava e ci sono le sue incisioni a dimostrarlo. I tuoi Stadio riescono a prendere una nota solo se qualcuno gli modifica l’intonazione con Melodyne altrimenti i risultati sono quelle imbarazzanti performances che abbiamo sentito, almeno chi ha le orecchie collegate al cervello (non è il tuo caso)!
    Chi se ne frega dei voti, non è che perché qualcuno vota la performance di merda si trasforma in oro o la canzone mediocre diventa un classico.

  • Madi 17 Febbraio 2016 at 13:59

    senti, maleducato, di battisti ne avete fatto un mito, eppure era stonato come una campana. mi pare che ancora oggi “campi” per le CANZONI, non per la sua ugola. perciò vedi di andare a insultare tua madre e a “smerdare” lei, visto che ti ha educato poco.
    HAI VISTO I VOTI DI TUTTE LE SERE? allora vedi di andare a fanculo. punto.

  • Shkval 15 Febbraio 2016 at 21:48

    1. Una canzone non è solo testo e musica altrimenti basterebbe far andare le basi o il playback;
    2. No, non stai apposto proprio per niente, anzi una visita dall’otorinolaringoiatra è d’obbligo se per te uno che ha ingoiato una grattuggia e ha ululato per tre sere avrebbe cantato! Se vuoi ti prendo l’audio e ti smerdo punto per punto su dove ha cannato, non ci vuole molto;
    3. La sala si è alzata in piedi anche per Clementino e per quell’altro rapper napoletano, non so se mi spiego. Dovevano vincere anche loro quindi?

    È inutile che ti sforzi perché ciò non cambia i dati di fatto che sono: hanno stonato cantando di merda, la canzone è mediocre e il premio glielo hanno dao alla carriera non certo per quel Sanremo.

  • Madi 15 Febbraio 2016 at 20:26

    1. Il festival della canzone, lo ripeto anche per quelli duri di testa, è IL FESTIVAL DELLA CANZONE!! NON E’ THE VOICE! Perciò NO, non si premia LA VOCE, ma LA MUSICA E IL TESTO DELLA CANZONE. Tutti gli altri premi sono AUSILIARI.

    2. io con le orecchie sto a posto, anzi, direi più di te, io la musica la faccio, non la sento solo, perciò ignorante dai a qualcun altro. IO SO com’è quando l’audio è regolato per qualcun altro, soprattutto se è TANTO DIVERSO DA ME, come era la Pausini versus Curreri. C’è differenza anche tra cantare in una sala VUOTA e cantare in una sala PIENA.

    3. quando la sala era in piedi e non li lasciava più uscire, l’ultima sera, immagino che eri andato al cesso. Ma davvero, quanti coglioni in questo paese! Hai avuto la minima curiosità di vedere LE VOTAZIONI DI TUTTE E CINQUE LE SERATE??? Tutti coglioni, meno te?

  • Shkval 14 Febbraio 2016 at 23:48

    1. Il premio di Sanremo non è stato dato alla carriera, quelli sono gli Oscar. E per premiare un testo di una canzone c’è il premio della critica.
    2. Che hanno cantato di merda non è una mia opinione è un fatto oggettivo e se non lo riconosci come tale è solo per una tua incapacità uditiva o ignoranza musicale che non ti permette di distinguere quando una voce è intonata o meno. Per un musicista ed un ingegnere del suono qualsiasi sono le basi.
    3. Non ho mai esaltato la Pravo e mi scandalizza meno un sesto posto quando un gruppo che ha cantato peggio di lei è finito addirittura primo con una canzone mediocre ed una performance altrettanto mediocre.

    Diciamolo chiaramente: se non fossero stati gli Stadio a cantare quella canzone e avessero vinto degli anonimi veneziani sarebbero partiti fischi e pomodori.

  • Giulia 14 Febbraio 2016 at 22:59

    finalmente un articolo che dice la verità! Gli stadio per carità bravi musicalmente e anche abbastanza bella la canzone ma il cantante non ha voce! vittoria immeritata… e trovarsi in classifica un Lorenzo Fragola davanti a Noemi, Annalisa e Dolcenera addirittura quasi ultima é a dir poco imbarazzante…. non si smentisce mai questo Festival, ogni anno sempre più pilotato…..

  • Madi 14 Febbraio 2016 at 18:19

    lo dici tu che hanno cantato di merda.

    Io dico invece che Curreri ha una voce spettacolare che racconta tutta la loro storia di musicisti: graffiante, vissuta, matura.

    La prima sera avranno cantato un po’ male, ma l’hanno spiegato: l’audio era rimasto “tarato” in un modo particolare sulla Pausini (non ricordo esattamente, forse i monitor spenti, ogni cantante ha le sue esigenze) e lui non si sentiva proprio.

    Ma non capisco la differenza di trattamento tra questo o quello. la Pravo si esalta e si continua a dire che si meritava di più. Per me non si meritava manco il premio della critica, ma visto che faceva 50 anni di carriera, le hanno dato un contentino. Doveva venire come ospite come tutti gli altri, invece di credere di poter ancora cantare in gara.

    Poi ritorno a dire: è il festival della canzone e, per ciò che mi riguarda, dovrebbero essere chiamati sul palco e premiati gli autori della canzone, non l’interprete.

  • DrApocalypse 14 Febbraio 2016 at 12:57

    ma se proprio loro hanno CONFERMATO di non aver MAI indossato i nastrini.
    Ancora insisti?

  • Shkval 14 Febbraio 2016 at 12:38

    Patty Pravo è sesta e non prima sebbene in percentuale abbia preso più note di Curreri. A me sembra più strano questo.

  • Shkval 14 Febbraio 2016 at 12:09

    Non significa che puoi cantare di merda.

  • Shkval 14 Febbraio 2016 at 12:08

    Non è impressione tua. È un dato di fatto. 🙂

  • coscienzagay 14 Febbraio 2016 at 12:01

    Stadio noiosi. Patty migliore canzone. Peccato solo non l’abbia cantata.
    Se io fossi la Rai, all’eurovision sono contest manderei Francesco Gabbani, senza se e senza ma. Ha una canzone fantastica, molto pop che in Europa spaccherebbe il culo a tutti.

  • myname 14 Febbraio 2016 at 11:56

    condivido

  • myname 14 Febbraio 2016 at 11:55

    Ecco le età dei vincitori degli ultimi 10 anni, al giorno della vittoria.

    2007: Simone Cristicchi, anni 30
    2008: Giò Di Tonno & Lola Ponce, anni 34 & 28
    2009: Marco Carta, anni 23
    2010: Valerio Scanu, anni 19
    2011: Roberto Vecchioni, anni 67
    2012: Emma Marrone, anni 27
    2013: Marco Mengoni, anni 24
    2014: Arisa, anni 31
    2015: Il Volo, anni 21, 20, 20 (il terzo aveva già compiuto i 20, gli altri due no)
    2016: Stadio, anni 63, 54, 50, 63.

    capisci da solo di aver pisciato leggermente fuori dal vaso, vero?

  • myname 14 Febbraio 2016 at 11:40

    non trovo più l’articolo, come ti ho scritto nei commenti all’altro post.

  • Fred Astaire 14 Febbraio 2016 at 11:32

    Sì beh, non è che dovesse per forza vincere chi ha portato i nastrini colorati eh. In ogni caso, vittoria per niente meritata. Dal mio punto di vista la canzone è noiosa e poco interessante; inoltre il cantante era oggettivamente svociato e ha più volte (con una costanza imbarazzante) stonato.

  • HANDREAS 14 Febbraio 2016 at 10:59

    in pratica nulla di nuovo a Sanremo, questo paese è sempre più fermo, e qui state a parlare di unioni civili? é un paese che non intende svecchiarsi, specie quando nella Kermesse italiana per eccellenza, che rappresenta la nostra musica, anno dopo anno, si vedono vecchie glorie ritornare alla ribalta, senza aver intenzione, in nessun modo di abbandonare la presa… ed è per questo che vediamo Stadio al 1° posto, e Caccamo-Iurato, sebbene giovani, ma vecchi artisticamente, con la solita coreografia della coppia seduta su degli sgabelli che si guardano a vicenda, mentre cantano un motivetto che ricorda canzoni anni 50 o 60 addirittura … puliti e intonati per carità, (un po’ più precisa la Iurato) ma vecchi… E mi ci scommetterei le palle che a fare il podio ha inciso per la maggiore la votazione della giuria di qualità, che ancora una volta si lasciano andare al sentimentalismo o a non aver intenzione in nessun modo di ribaltare le sorti del festival… Diciamocelo chiaro, quest’anno è stato piuttosto difficile pronosticare il vincitore, non succedeva da secoli. A cambiare le sorti degli Stadio è stata, a mio parere, la serata delle cover, dove ipocritamente, sono saliti al n°1 perchè altrimenti si sarebbe visto come uno sgarbo alla memoria di Lucio Dalla. Il Premio della Critica è stato assegnato giustamente a Patti Pravo, che portava sul palco una bella canzone per carità, ma lei ormai dal vivo non è la stessa, piuttosto stonata e imprecisa direi, e questo dovrebbe contare eccome, ma anche qui il voto ipocrita ha avuto la meglio… quindi a pensarci a questo punto le interpretazioni di belle o brutte canzoni non servono a nulla… si punta solo sul personaggio e allora ecco che rispuntano vecchie glorie come la Divina Patti e gli ormai ultra 50enni Stadio… E che vogliamo fa’? L’Italia è questa… fondamentalmente Vecchia, con poca voglia di cambiare e di cambiarsi!

  • myname 14 Febbraio 2016 at 10:47

    ragione da vendere. Patty Pravo aveva una bella canzone ma è ormai SENZA VOCE, vuoi per l’età, vuoi per i lifting, vuoi per altri motivi, ma se si critica Curreri per la voce, non si può, se non si vuole essere ipocriti, esaltare Patty Pravo, semplicemente NON-SI-PUÒ.

  • HANDREAS 14 Febbraio 2016 at 10:45

    assolutamente d’accordo con te

  • baldwin 14 Febbraio 2016 at 9:48

    Impressione mia, ma la canzone mi è sembrata una lagna cantata male. Sarà che non sono molto sanremese, ma pietà.

  • Mattia 14 Febbraio 2016 at 2:56

    Ma dio santo.. televoto alla mano.. sti qui portavano un pezzo sul rapporto padre figlio.. commovente, sviolinato, e diciamocelo.. ben arrangiato… i voti al televoto li avrà presi.. soprattutto da tutti i signori e signore che guardano san remo, che diciamocelo, sono la maggioranza… chi doveva vincere? I due dell’ave maria? La Michielin che portava un pezzo scialbissimo? Patty Pravo? Aveva una canzone molto bella ma se mi critichi Curreri perché senza voce, la Pravo pareva c’avesse l’asma… poi sta stronzata dei nastrini.. ok bellissimo, figo.. commovente, io stesso me ne sono compiaciuto. Ma quindi? è il festival di sanremo, non torre del lago…

  • Manu__ 14 Febbraio 2016 at 2:40

    Strano come ci si impegni tanto a sottolineare le carenze vocali di Curreri, ma al tempo stesso si esalti Patty Pravo e ci si soffermi sul suo sesto posto. Mi sa tanto di arrampicata sugli specchi! Amo Patty e amo la sua canzone, ma se si parla di tecnica e intonazione allora si deve essere coerenti con se stessi e dire che persino lei, per le esibizioni fatte, avrebbe meritato solo l’ultimo posto. Non si possono accettare due pesi e due misure, suvvia!

  • Madi 14 Febbraio 2016 at 2:39

    è il Festival della CANZONE, non The Voice.

  • Fabry__ 14 Febbraio 2016 at 2:35

    cantando di merda per quattro sere.
    ma si è la musica che deve vincere ahaha

  • Josh Bast 14 Febbraio 2016 at 2:11

    Il problema è che la voce non c’era. PUNTO. Uno deve anche meritarselo il premio, va bene la canzone, ma nella decisione ci dev’esser pure l’esibizione che purtroppo gli stadio NON hanno fatto. Anzi, si sarebbero meritati gli ultimi posti in quanto la voce non c’era, le stonature pure.

  • federico Tonelli 14 Febbraio 2016 at 1:58

    Ma meglio così! Erano nettamente migliori sul podio! Non hanno portato i colori arcobaleno? Pazienza, era il Festival di Sanremo, la musica doveva vincere, non le idee.
    Forza Gli Stadio!

  • DrApocalypse 14 Febbraio 2016 at 1:54

    l’hai sognato quell’arcobaleno. Ma che sta ia dì. Linkami la famosa foto, allora. E qui non c’entra niente, poi, l’arcobaleno.
    Si parla di canzoni.
    E’ una vittoria immeritata, pure se fossero saliti sul palco vestiti da Scissor Sisters.

  • myname 14 Febbraio 2016 at 1:39

    Solo tu puoi far fatica a digerirla. Prendi la citrosodina! Come già ti ho detto, tvblog ha postato due giorni fa un articolo in cui mostrava tutti i 20 big arcobalenati. Ma è deprimente questa divisione in buoni e cattivi, davvero deprimente.