Iconize vs. Achille Lauro (ovvero come non capirci una ceppa)

Condividi

“Ragazzi, finitela di dirmi che Achille Lauro si è vestito così per favoreggiare i tuoi diritti LGBT. Rappresenti la comunità gay con quel tutù dorato e attillato? Ma fammi il favore! È un insulto per i ragazzi gay, ce ne sono alcuni con due palle così e lui va in giro con il tutù sul palco di Sanremo. Se l’ha fatto per show ok, per me non è per niente riuscito, è stato disprezzante. Un palco come quello di Sanremo, calcato dai più grandi artisti italianim sputtanato. Achille Lauro mi piace, soprattutto per come scrive. Sto esprimendo una mia opinione sulla performance, mentre voi fate meme e gif perché ha fatto lo show solo per come si è vestito. E la canzone poi, chi se l’è cagata? Ma Sanremo cosa è, il circo o il Festival della Musica italiana? Non è avanguardia, né rock, è imbarazzante”.

Ovvero come non capirci un’emerita ceppa su quanto visto, aprir bocca e dar fiato alle prime boiate che ti passano per la testa. Iconize mio, in arte Marco Ferrero, quest’oggi sei affiancato da Simone Pillon e Mario Adinolfi, nelle critiche a Lauro. Io due domande, fossi in te, me le farei.

Autore

Articoli correlati