Grande Fratello Vip, Marco Predolin omofobo: ‘non tutti i gay vogliono fare le donne, alcuni sono normali’ – VIDEO

Condividi

“Non tutti i gay vogliono fare le donne, alcuni sono normali”. “Non puoi fare l’avvocato e andare vestito da donna”. Queste sono alcune delle frasi esternate da Marco Predolin nella notte, all’interno del Grande Fratello Vip, discutendo di ‘omosessualità’ insieme a Simona Izzo, i fratelli Rodriguez e Lorenzo Flaherty. L’ex conduttore de Il Gioco delle coppie avrebbe addirittura paragonato l’omosessualità alla zoofilia, prima che la regia tagliasse la diretta per mandare la pubblicità. Da evitare, probabilmente, un nuovo caso Russo-Bettarini, che tanto clamore fece lo scorso anno, con inevitabile eliminazione del pugile e lacrime di coccodrillo dell’ex marito di Simona Ventura. 66 anni all’anagrafe e dai tempi de La Talpa totalmente assente dalla tv che conta, Predolin ha così voluto farne ritorno.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Morte 14 Settembre 2017 at 14:20

    si le sfrante alla Malgioglio non derise (che uno cia altro da fare che ridere di un coglione) ma proprio morte

  • Key- hit me Naomi 1more time 14 Settembre 2017 at 10:48

    I commenti sotto questo post sono tutti OMOFOBI o di sostegno alla OMOFOBIA.
    Il peggio è che sono scritti quasi sicuramente da GAY.
    Citiamone qualcuno:
    “Usare la parola normale è sbagliato, perché gli altri non sono anormali, ma non è certo un discorso omofobo”
    “nella frase riportata non vedo nessuna omofobia ma solo una sacrosanta verità non tutti i gay sono delle sfrante macchiette alla malgioglio”
    “continuate pure a chiamarvi al femminile, a darvi della passiva, della sfranta, della maschia… continuate a dire che avete le vostre cose, a parlare 6 ottave sopra il vostro reale tono di voce… predolin ha ragione.”

    Ora mettetevi in quella cazzo di testa di merda che non siamo noi a vedere l’omofobia ovunque. L’omofobia la fate voi ovunque.
    Le parole sono VITALI altrimenti parleremmo come fate voi omofobi a cazzo dicendo la qualunque.
    Non esitono comportamenti o movenze femminili o virili. Esistono comportamenti. Il fatto che cresciamo e siamo educati in una società che stabilisce addirittura quale colore appartiene alla femmina e quale al maschio ci fa capire quanto malata e insana sia la realtà che viviamo.
    Un uomo può sbattere i capelli, sculettare e gesticolare quanto cazzo gli pare e rimarrà comunque un uomo.
    Non sarà questo che farà di lui un avvocato, nè il fatto che indossi i tacchi o meno. Sarà la sua competenza e professionalità a renderlo un avvocato, o lottatore, o chef, o ballerino valente (idem con patatine di lato per le donne).
    Smettete di fare differenze tra maschi e maschiE.
    Ci sono Uomini o Donne da un lato e le Merde inutili di cui il mondo potrebbe tranquillamente fare a meno dall’altro, cioè la maggior parte di voi. Abbiate la decenza di TACERE.
    Perchè non si tratta di libertà di parola, si tratta di libertà di esprimere inciviltà e minchioneria di cui faremmo piacevolmente a meno, soprattutto noi che lottiamo contro l’omofobia, che lottiamo anche contro quella che fanno a voi e che stranamente non riconoscete quando siete voi ad usare e VAFFANCULO!
    https://i0.wp.com/queerty-prodweb.s3.amazonaws.com/wp/docs/2013/03/428798_original.gif

  • abiqualcosa 14 Settembre 2017 at 10:27

    Un travestito in tailleur scuro va bene, o no? Ma se uno sente di essere donna che deve da fa’?

  • Alessio Cristiano 14 Settembre 2017 at 7:31

    Sono feliceente GAY.E ti garantisco che anche IO NN sopporto tutto quello che hai citato. Quando parlano al femminile.Lo trovo da stupidi che peraltro nn fanno nemmeno simpatia

  • Alessio Cristiano 14 Settembre 2017 at 7:28

    Parto dall”idea che Malgioglio marcia molto sul personaggio che si è creato.Oggettivamente molte volte lo trovo imbarazzante. MA cmq se lui è così colorato (perché la parola sfranta, nn si può sentire)nessuno può giudicarlo .OGNIUNO gay oh ETERO È come SI sente.TUTTI I GAY SONO NORMALI

  • Patrick Padova 14 Settembre 2017 at 3:00

    Mi sembra OVVIO che un avvocato in tribunale non possa mettersi a fare la macchietta “alla Malgioglio”… non certo perché sia un atteggiamento da condannare, ma perché ogni ambiente ha il suo codice comportamentale. Questa sarebbe OMOFOBIA? Ma per piacere, finiamola di farci sempre ridere dietro abusando di questa parola ogni volta che un etero parla di gay…

  • fuori dal mondo 14 Settembre 2017 at 0:37

    adesso se uno dice che malgioglio è una checca allora è derisione emarginazione ecc … rilassatevi un po , fate pace con la realtà ok ?

  • MR 14 Settembre 2017 at 0:05

    Transessuale è un altro discorso. Io l’ho inteso riferito agli eccentrici. In certi ambienti è richiesto l’abito formale. Fino a qui il discorso non è omofobo, poi ho letto di altre dichiarazioni che cambiano il senso anche di queste

  • Alita 13 Settembre 2017 at 23:57

    “normali” è un segno convenzionale, vecchio ma ancora facente parte del linguaggio comune.
    Non c’è alcuna offesa.

  • Alita 13 Settembre 2017 at 23:54

    Che palle, vedete omofobi ovunque tranne dove ci sono veramente, state diventando ossessivi e ridicoli.

  • tentativo 13 Settembre 2017 at 22:32

    continuate pure a chiamarvi al femminile, a darvi della passiva, della sfranta, della maschia… continuate a dire che avete le vostre cose, a parlare 6 ottave sopra il vostro reale tono di voce… predolin ha ragione.

  • Julus 13 Settembre 2017 at 22:12

    Perchè le sfrante macchiette alla Malgioglio possono essere derise, emarginate e trattate da sottospecie umana? Tu invece che non sei così ti senti superiore?. Guarda che questo è un discorso razzista della peggior specie e ricordati che nel momento in cui fai delle categorie tra gli essere umani e tu pensi di essere in quella superiore agli altri, arriverà sempre qualcuno che si riterrà di una categoria superiore alle tua e vorrà schiacciarti esattamente come tu hai fatto con quelli che ritieni inferiori a te.

  • ErPupone 13 Settembre 2017 at 21:24

    Il problema sta nel sostenere che un gay effeminato non sia “normale” Mentre sarebbe normale un gay mascolino. Chissenefrega da chi vi sentite rappresentati, il rispetto non è dovuto solo a chi vi somiglia, anzi lo dovete a chi più e diverso da voi.

  • Ma22 13 Settembre 2017 at 19:28

    Concordo. Sono omosessuale. Non mi sono mai sentito “donna” o effeminato. Sono un uomo a cui piacciono gli uomini.

  • Montana Moorehead 13 Settembre 2017 at 17:24

    devo ammettere che questo genere di omofobia più che rabbia mi fa tenerezza. appartiene a chi, di una generazione ormai al tramonto, per quanto si possa impegnare non riesce a capire la questione LGBT. infatti il suo era un modo goffo per dire una cora pro gay…

  • che lagna 13 Settembre 2017 at 16:47

    bhe considerando che questa persona sta convivendo 24 su 24 con Malgioglio mi sembrano parole sante ……………

  • MR 13 Settembre 2017 at 16:42

    Ho letto di altre frasi che avrebbe detto, se vere allora il discorso è diverso.

  • MR 13 Settembre 2017 at 16:21

    In realtà ha detto un’altra cosa. Ha fatto proprio l’esempio di Malgioglio per dire che ci sono lavori in cui si può e altri no. OPinione discutibile, ma non omofoba. HA parlato solo di lavoro, specificando che la sera ognuno si veste come vuole

  • bix 13 Settembre 2017 at 16:18

    Forse anziché “normale” è più appropriato “maschile ” o “virile” ma non si possono misurare tutte le parole al milligrammo, altrimenti se si fa di tutta l’erba un fascio gridando ogni volta all’omofobia si va a sminuire la gravità degli altri VERI episodi di omofobia, che sono gravi e già numerosi…

  • abiqualcosa 13 Settembre 2017 at 15:38

    Dire che un transessuale non può fare l’avvocato non è omofobo? Possono quindi solo battere il marciapiede? Ah ok.

  • nando 13 Settembre 2017 at 15:21

    nella frase riportata non vedo nessuna omofobia ma solo una sacrosanta verità non tutti i gay sono delle sfrante macchiette alla malgioglio

  • MR 13 Settembre 2017 at 15:18

    Usare la parola normale è sbagliato, perché gli altri non sono anormali, ma non è certo un discorso omofobo