Nozze gay, Alfano già caga il cazzo: ‘bastano le unioni civili’ (ma neanche quelle c’avemo)

Condividi

La nostra posizione è chiara: sì alle unioni civili, sì al riconoscimento dei diritti delle persone con un rafforzamento patrimoniale di questi diritti, no alla equiparazione al matrimonio, no alla reversibilità della pensione, no alle adozioni dei figli. Le coppie omosessuali sono un fenomeno diffuso nella nostra società, all’interno di un vuoto normativo che crea diseguaglianze e confusione. Ho presentato una proposta di legge e ora all’interno del mio partito oggi c’è un atteggiamento di apertura. Bisogna riconoscere diritti e doveri“.

Pensieri e parole via LaRepubblica di Angelino Alfano, ‘stampella’ del Governo Renzi con il suo NuovoCentroDestra. Niente matrimonio gay all’italiana, in conclusione, ma un SI’ deciso alle UNIONI CIVILI, leggi Civil Partnership alla tedesca promesse dal segretario del Pd. Peccato che TUTTE le volte si inizi a discutere di quest’ultimo argomento, da parte del centrodestra prenda vita la solita idiota manfrina, ovvero: ‘potrebbero diventare il grimaldello per le nozze gay’.
E allora così non se ne esce.
PD+SEL+5STelle.
I numeri ci sono, caro Renzi, senza dover chiedere l’elemosina ai cattofascisti di Alfano.
Se poi Forza Italia, Lega e NCD faranno cadere il Governo a causa dei DIRITTI CIVILI, facendo ridere il mondo intero e diventando lo ZIMBELLO del Pianeta civile e democratico, vorrà dire che andremo alle urne.

Autore

Articoli correlati