Sanremo 2015, bocciati Romina Falconi e Immanuel Casto: avrebbero portato CONCHITA WURST all’Ariston (anteprima)

Condividi

Il sottoscritto lo sa da un mesetto, ho tifato per loro e ho sperato che Carlo Conti ci regalasse il colpaccio, ma alla fine è mancato il coraggio.
Romina Falconi e Immanuel Casto hanno provato in tutti i modi ad entrare nel cast di Sanremo 2015. Per riuscirci hanno presentato un pezzo importante, d’attualità, Finchè morte non ci separi il titolo. Un brano sulla violenza nei confronti delle donne, dal testo vibrante e d’impatto. Una gran canzone, per un tema troppe volte taciuto.
La messa in scena sul palco dell’Ariston sarebbe stato un trionfo di teatralità. Ogni sera vestiti da sposi in un’epoca diversa, con lei morta ammazzata al termine del brano. Marito, moglie e violenza. Per la Falconi sarebbe stato il ritorno a Sanremo, per Casto la definitiva consacrazione, nonché la possibilità di diventare ‘altro’, abbandonando momentaneamente il Porn Groove.
Ma non è tutto.
Perché per la serata dei duetti con ospiti famosi Romina e Immanuel avrebbero calato l’asso da novanta.
Conchita Wurst. All’Ariston.
Tutto era pronto, tutto era deciso. La trionfatrice dell’Eurovision entusiasta della proposta e del progetto.
Mancava solo il sì definitivo di Conti e della Rai, che purtroppo è mancato.
Per lasciar spazio ai Soliti Idioti. Siam sempre lì.
Non se ne esce.

Autore

Articoli correlati