Liliana Segre, lo straordinario discorso integrale al Senato – VIDEO

Condividi

“In questo mese di ottobre nel quale cade il centenario della Marcia su Roma, che dette inizio alla dittatura fascista, tocca proprio ad una come me assumere momentaneamente la presidenza di questo tempio della democrazia che è il Senato della Repubblica. Ai miei tempi la scuola iniziava ad ottobre, è impossibile non provare una vertigine, ripensando alla stessa bambina che nel 38 fu costretta dalla legge razziste a lasciare vuoto il suo banco della scuola elementare, e che oggi si trova sul banco più prestigioso del Senato.”

In Italia il principale ancoraggio attorno al quale deve manifestarsi l’unità del nostro popolo è la Costituzione Repubblicana, che come disse Piero Calamandrei non è un pezzo di carta, ma è il testamento di 100.000 morti caduti nella lunga lotta per la libertà; una lotta che non inizia nel settembre del 1943 ma che vede idealmente come capofila Giacomo Matteotti“.

In difesa della costituzione, della repubblica antifascista, dell’Europa, contro l’odio istituzionale.
I primi e ultimi 20 minuti di decenza di questa 19esima legislatura firmati Liliana Segre, che il destino ha voluto presiedesse per un giorno lo scranno più alto del Senato nel giorno in cui Ignazio La Russa, che ostenta busti del Duce in casa, diventerà la 2a più alta carica dello Stato.
22 minuti altissimi, da ascoltare tutti d’un fiato, sbattuti in faccia alla maggioranza più a destra della storia repubblicana, che non a caso ha spesso evitato applausi, guardandosi attorno attonita, per non dire infastidita. Sarà una legislatura da incubo.

Autore

Articoli correlati