Sanremo 2023, la Rai vuole Amadeus per il suo 4° Festival. Dovesse rifiutare, una donna all’Ariston

Condividi

Lo scorso anno Amadeus era stato chiaro, negando la sua partecipazione ad un 3° Festival.
Troppe aspre le critiche per gli ascolti in calo, troppo difficile portare avanti 5 serate su 5 con un Ariston vuoto.
Poi l’anno ha portato buoni consigli, la Rai ha premuto per un AmaTer e il boom Auditel di questi giorni ha chiuso il cerchio.
Non a caso in conferenza stampa il conduttore/direttore artistico non ha mai voluto affrontare l’argomento, nei giorni scorsi, lasciando spazio ad un suo ipotetico nuovo ritorno. E Dagospia conferma oggi l’intenzione dell’azienda di chiedere ad Amadeus un suo 4° Festival, che lo vedrebbe raggiungere Nunzio Filogamo a quota 4 Festival consecutivi. Solo Pippo e Mike hanno fatto meglio, arrivando a 5. Anche dal punto di vista musicale, la rivoluzione voluta dal direttore artistico è stata travolgente, con la playlist sanremese al centro della scena nazionale, l’indie da far decollare, i giovani da valorizzare, le ‘vecchie glorie’ da far tornare in auge.
“Un atto dovuto: la Rai lo vuole e farà di tutto per convincerlo. Ma cosa farà il conduttore? Chiuderà il cerchio con i tre anni o concederà il poker?”, scrive Dagospia. “Di fronte a un suo no, l’azienda potrebbe vagliare una conduzione al femminile”.
Ergo, niente Cattelan, almeno non ancora, con l’ipotesi Milly Carlucci da non sottovalutare.  Ma come potrebbe Amadeus  rifiutare un 4° Festival, con l’Italia ai suoi piedi?

Autore

Articoli correlati