Britney Spears, l’avvocato contro il padre Jamie: “Vuole 2 milioni per lasciarla andare, è estorsione”

Condividi

Il nuovo avvocato di Britney Spears ha accusato Jamie Spears di aver cercato di “estorcere” 2 milioni di dollari alla figlia in cambio delle dimissioni dalla sua tutela.
All’inizio di questo mese, Jamie Spears ha convenuto che sarebbe stato meglio per lui dimettersi dalla contestatissima tutela di Britney. Tuttavia, non ha fornito una data per le sue dimissioni, aprendo così ad una risoluzione negoziata. Apparentemente.
Mathew Rosengart, avvocato di Britney, sostiene infatti che suo padre starebbe cercando di usare la sua influenza per costringere la proprietà di sua figlia a pagare $ 1,3 milioni di spese legali, $ 500.000 all’ex società di gestione della Spears e altri pagamenti aggiuntivi allo stesso Jamie Spears. Per un totale di oltre 2 milioni di dollari.
“Lo status quo non è più tollerabile e Britney Spears non verrà estorta”, ha tuonato Rosengart. “Il palese tentativo di Jamie Spears di barattare la sospensione e la rimozione in cambio di circa 2 milioni di dollari di pagamenti, in aggiunta ai milioni già raccolti dal patrimonio della signora Spears dal signor Spears e dai suoi soci, è un fallimento”.
Rosengart aveva precedentemente accusato Jamie Spears di essersi arricchito a spese del patrimonio di sua figlia e di “dissipare” la sua fortuna. Jamie Spears ha negato di aver commesso illeciti e ha difeso la sua gestione dei suoi affari finanziari.
La prossima udienza è fissata per il 9 settembre.

Autore

Articoli correlati