Cannes 2020, ecco i film che avrebbero corso per la Palma d’Oro se non ci fosse stato il Coronavirus

Condividi

Cannes 2020 non si farà, causa Covid-19, ma quel genio del male di Thierry Frémaux, delegato generale del Festival, ha annunciato a buffo i film che sarebbero passati in Concorso alla Croisette. 56, comprendendo non solo il Concorso ma anche i titoli delle sezioni parallele.
Perché snocciolare tutti i titoli in corsa per la Palma d’Oro?
Facile.
Per marcare il territorio e far sapere al mondo che QUEI film si sarebbero visti a Cannes, se non ci fosse stato il Coronavirus.
In questo modo Thierry Frémaux ha tolto all’amico/nemico Alberto Barbera, direttore della Mostra del Cinema di Venezia, l’opportunità di portarli al Lido il 2 settembre prossimo, quando il Festival prenderà forma fino al 12 settembre. Sempre Covid-19 permettendo. Tra i miei film più attesi di Cannes 2020, che ribadisco NON si farà, sicuramente i nuovi di Wes Anderson, Steve McQueen, Ozon, Soul della Pixar e Aya and the Witch dello studio Ghibli, Peninsula, Ammonite del regista de La Terra di Dio. A sorpresa, nessun italiano presente. Neanche Nanni Moretti, che ha probabilmente rifiutato l’inutile ‘bollino’ di Cannes per andare al Lido di Venezia in Concorso.

Cannes 2020 – la selezione ufficiale (che non c’è)

· The French Dispatch, di Wes Anderson
· Eté 85, di François Ozon (nei cinema francesi dal 15 luglio)
· Asa ga Kuru (True Mothers), di Naomi Kawase
· Lovers Rock e Mangrove, di Steve McQueen (episodi antologici)
· Druk (Another Round), di Thomas Vinterberg
· ADN (DNA), di Maïwenn
· Last Words, di Jonathan Nossiter
· Heaven: To The Land of Happiness, di Im Sang-soo
· El olvido que seremos, di Fernando Trueba
· Peninsula, di Yeon Sang-ho
· In the Dusk (Au crépuscule), di Sharunas Bartas
· Des hommes, di Lucas Belvaux
· The Real Thing, di Koji Fukada
· Passion simple, di Danielle Arbid
· A Good Man, di Marie-Castille Mention-Schaar
· Les Choses qu’on dit, les choses qu’on fait, di Emmanuel Mouret
· Souad, di Ayten Amin
· Limbo, di Ben Sharrock
· Rouge (Red Soil), di Farid Bentoumi
· Sweat, di Magnus von Horn
· Teddy, di Ludovic e Zoran Boukherma
· February (Février), di Kamen Kalev
· Ammonite, di Francis Lee
· Un médecin de nuit, di Elie Wajeman
· Enfant terrible, di Oskar Roehler
· Nadia (Butterfly), di Pascal Plante
· Here We Are, di Nir Bergman
· Septet: The Story of Hongkong, d’Ann Hui, Johnnie To, Tsui Hark, Sammo Hung, Yuen Woo-Ping, Patrick Tam e Ringo Lam
· Pleasure, di Ninja Thyberg
· Slalom, di Charlène Favier
· Casa de antiguidades (Memory House), di Joao Paulo Miranda Maria
· Broken Keys (Fausse note), di Jimmy Keyrouz
· Ibrahim, di Samir Guesmi
· Beginning (Au commencement), di Dea Kulumbegashvili
· Gagarine, di Fanny Liatard e Jérémy Trouilh
· 16 printemps, di Suzanne Lindon
· Vaurien, di Peter Dourountzis
· Garçon chiffon, di Nicolas Maury
· Si le vent tombe (Should The Wind Fall), di Nora Martirosyan
· John and The Hole, di Pascual Sisto
· Striding into The Wind (Courir au gré du vent), di Wei Shujun
· The Death of Cinema and My Father Too (La Mort du cinéma et de mon père aussi), di Dani Rosenberg
· En route pour le milliard (The Billion Road), di Dieudo Hamadi
· The Truffle Hunters, de Michael Dweck di Gregory Kershaw
· 9 jours à Raqqa, di Xavier de Lauzanne
· Antoinette dans les Cévennes, di Caroline Vignal
· Les Deux Alfred, di Bruno Podalydès
· Un triomphe (The Big Hit), di Emmanuel Courcol
· L’Origine du monde, di Laurent Lafitte
· Le Discours, di Laurent Tirard
· Aya to Majo (Earwig and The Witch), di Goro Miyazaki
· Flee, di Jonas Poher Rasmussen
· Josep, di Aurel
· Soul, di Pete Docter

Autore

Articoli correlati