Cristiano Malgioglio, ‘l’omofobia è un cancro, è meraviglioso avere un figlio gay, è una cosa preziosa’ – video

Condividi

Siamo tutti uguali, uomini, tutti, bisogna avere rispetto. Accettate i vostri figli gay, è una cosa preziosa, è meraviglioso avere un figlio gay, noi non cerchiamo di essere gay siamo nati così‘.

Bravo Cristiano.
Importanto ricordarlo e rimarcarlo, più e più volte, fino alla nausea.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • axel 29 Aprile 2018 at 10:33

    Ma non si ricorda nessuno che prima delle unioni civili tipi come signorini e malgiolio erano contro? Non solo ma prendevano le distanze dal mondo gay. Oggi è veramente vergognoso vederli in tv come i paladini di questi argomenti. Gli darei dei bei sonori calci nel culo.

  • Sticazzi 11 Aprile 2018 at 23:21

    Tipo i down…sono bambini sensibili e speciali…

  • Bless TheQueer 11 Aprile 2018 at 21:55

    in parte gli si perdona le innumerevoli cazzate omofobe dichiarate anni fa….

  • Mauro 11 Aprile 2018 at 21:13

    Non so che dire. Nelle sue interviste Malgioglio segue un copione. Ha detto le medesime cose dette altre cento volte. Forse, questa volta, ad un pubblico diverso dal solito.
    Mi interrogherei di più sulla memoria corta sua e del suo pubblico.
    Sentire che si è sempre battuto per i diritti delle persone omosessuali è piuttosto irritante quando egli stesso ha sempre negato di esser gay fino ad un coming out (decisamente innocuo data l’evidenza) abbastanza recente e fatto in età avanzata.
    Da bravo artista voleva giocare sull’ambiguità sessuale? Non credo.
    Da giovane cercava sempre di spacciarsi per sciupafemmine. Niente di male, per carità, ma non facesse adesso credere che sia sempre stato il paladino dei diritti gay che si professa oggi.

  • SecondoMarco 11 Aprile 2018 at 19:32

    Grande Cristiano!

  • Nic 11 Aprile 2018 at 16:58

    Proprio ieri mi arriva un’illuminazione confermata da queste parole. Essere gay, contrariamente a ciò che ho pensato per gran parte della vita, è un privilegio, un’eccezione alla regola, un tratto connotativo. E’ come un essere prescelti tra una maggioranza di persone omosessuali per poter fare una strada alternativa rispetto alla moltitudine. Pensate solo alla sorpresa che coglie prima di tutto chi lo è quando scopre di esserlo e poi, positivamente o negativamente, tutte le persone che lo apprendono solo più tardi e che rappresentano momenti unici, a nostro esclusivo appannaggio, una fase esistenziale di nostra esclusiva pertinenza. E alla nobiltà della conquista di un partner in una società a prevalenza eterosessuale. Pensate alla dolcezza di poter professare un amore che si distingue da quello “in regola” con i canoni di un certo tipo di mentalità arretrata. E alla non convenzionalità del nostro essere. Invece che viverlo come un fardello, l’orientamento omosessuale dovrebbe rappresentare una meravigliosa peculiarità come avere gli occhi viola di Liz Taylor 🙂

  • PaniK0 11 Aprile 2018 at 16:22

    ho visto l’intervista ieri. non è solo una persona frivola come traspare, un po’ populista ma non ha cattive idee