‘Il botulino gli intoppa i ragionamenti nel cervello’, Claudio Baglioni trascina in tribunale Antonio Ricci

Condividi

giphy

«Non lo reggo da sempre, da quando ero ragazzo. Sono cresciuto nel ‘68, gli anni della protesta, gli anni di Tenco e Paoli, di Guccini e De André… poi arriva questa melensa creatura dalla maglietta fina che canta passerotto non andare via. Baglioni era il cantante preferito dei fascisti, dei La Russa e Gasparri. Non lo sopporto. In uno spettacolo dissi anche che gli avrei tirato una molotov. Ora se gli dai fuoco si sparge odore acre di plastica che semina diossina in tutto il Paese». «Di fondo non penso sia uno disonesto… del resto non è capace: il botulino gli intoppa i ragionamenti nel cervello».

L’intervista choc di Antonio Ricci al Corriere della Sera, uscita a inizio febbraio, ha convinto Claudio Baglioni a trascinarlo in tribunale.
Parola de IlMessaggero, secondo cui l’ultimo conduttore del Festival ha denunciato il creatore di Striscia la Notizia per diffamazione.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Massimo B Inverni 5 Aprile 2018 at 18:59

    ..a prescindere che attacchi Baglioni o chiunque altro, a me lui non piace a prescindere. Ricci è il creatore di quanto peggio sia stato diffuso negli ultimi 35 anni… gli perdono soltanto Drive In, perchè all’epoca ero un ragazzino di 11/12 anni e ridevo alla leggerezza ( e quella comicità come il piglio di ogni sua creazione, rimane per persone dai 10 ai 13 anni ancora oggi. Lo sottolineo fortemente ).
    Non mi fa ridere lui, non lo trovo nè arguto, nè irriverente, nè satirico, nè intelligente e meno che mai limpido. Tutto quello che produce per me è ripugnante.
    Mi piacerebbe che Baglioni, ma non solo, riuscisse a fargli passare un brutto quarto d’ora. Inteso come mega cavilli giudiziari o giù di lì… Nel 2018, mio caro Ricci, rimani patetico, fuori posto e totalmente inutile

  • markuss17 5 Aprile 2018 at 12:44

    …mah..? 😀

  • ag-brasc 5 Aprile 2018 at 12:14

    Ricci, che viene dal periodo delle contestazioni del 68, che fa la sua fortuna negli studi Mediaset e a Striscia la “notizia” (virgolette d’obbligo), reputa Baglioni fasullo ed incapace, causa botulino, di seguire un ragionamento.
    Beh, direi che non fa una piega.
    Non sono fan di Baglioni, che però bene ha fatto a denunciarlo.
    Ricci deva anna’ da uno bravo. E no, non mi riferisco necessariamente a un avvocato.

  • Gelido 5 Aprile 2018 at 11:07

    Ricci che si sente sessantottino e spara merda su Baglioni, quando lui è uno dei principali artefici della rovinosa cultura berlusconiana a botte di culi, veline, trash e finte risate, nonchè uno dei responsabili della sottocultura a 5stelle grazie alle sue finte inchieste e al suo sarcasmo moralistico… davvero la faccia come il culo!

  • lorsi 5 Aprile 2018 at 10:54

    Una caratteristica dei programmi di Ricci (che trovo sempre scadenti ma cmq spesso di successo) è che le risate sono finte. Perchè se non fossero registrate non riderebbe mai nessuno.