Striscia la Notizia, la moglie di Paolo Bonolis all’attacco sul caso Isola

Condividi

#Repost @vapalm with @get_repost ・・・ Ogni sera “Striscia la notizia” dedica almeno dieci minuti all'”Isola dei famosi” e alla sua conduttrice, Alessia Marcuzzi. Lo fa accusando il programma di ogni scorrettezza, dal canna-gate, alle prove taroccate, dagli autori che fanno pressione sui naufraghi per le nomination ai privilegi tipo il telefonino sull’Isola o i cocchi in omaggio, il tutto si conclude con l’accusa alla Marcuzzi di essere “svicolona” o “pinocchietta” perché non denuncerebbe queste mancanze e, anzi, difenderebbe il programma, la produzione, gli autori, Canale 5. Ovviamente non manca mai il video in cui Alessia, nella sit-com” Così fan tutte”, mangia un wurstel, giusto per alludere (era già allusiva la gag, ma era in un contesto comico) a una certa disinvoltura sessuale della conduttrice. Ora mi chiedo, e ho il diritto di farlo, visto che non ho nulla da nascondere e nessun conflitto di interessi se non il fatto che voglio bene alla Marcuzzi, perché mai un programma come “Striscia” si accanisca tanto su un programma della stessa azienda e della stessa rete, e perché insista a colpire una donna con accuse pesanti, pressanti, offensive della sua dignità. La risposta è sempre la stessa, e cioé che “Striscia” può farlo perché è un programma libero che non guarda in faccia nessuno e bla bla bla, ma io la penso diversamente. Io penso che “Striscia” lo faccia perché grazie a questi attacchi personali e violenti riesce ad incrementare i propri ascolti e a battere finalmente “I soliti ignoti” di Raiuno, perché il pubblico ama questi attacchi, ama la gente che litiga, ama le offese. Credo che lo faccia perché ha in corso una guerra con Magnolia iniziata con il caso “Masterchef”. Credo che lo faccia perché alla fine questa è “televisione” e in tv è tutto una metafora, le veline mezze nude che ballano sono una metafora, due comici che anziché fare ridere attaccano una donna sono solo una metafora. Ma a me tutto questo fa schifo, e lo dico. Oltretutto perché arma quei subumani che insultano i personaggi famosi sui social, perché stravolge una realtà in cui le responsabilità sono altre, perché è lo specchio di un odio che sta distruggendo la nostra società.

Un post condiviso da Sonia Bruganelli (@soniabrugi) in data:

Così Sonia Bulgarelli, nel condividere l’attacco a Striscia da parte di Valerio Palmieri, giornalista di Chi. Parole che hanno infuocato Antonio Ricci, neanche a dirlo puntuale nell’immediata replica.

@vapalm smettila di diffondere fake news, tu e i tuoi compagni di merende. Ti ricordiamo bene, dalla Panicucci, agli inizi del “canna-gate”, mentre provavi miseramente a sminuire e tentavi inutilmente di insabbiare ciò che fin da subito era evidente a tutti. Come è evidente la violazione del regolamento dell’Isola dei famosi, confermato anche dall’intervista a Chiara Nasti pubblicata proprio dal giornale per cui scrivi. Quello che da sempre Striscia la notizia propone “è un lavoro di smontaggio, di messa a nudo di quei meccanismi che sono in grado di rivelare al telespettatore la natura di finzione della tv” (così scrive Antonio Ricci nella prefazione al suo libro Striscia la tivù). Questo lavoro di “smontaggio” Striscia lo fa tutte le sere senza guardare in faccia a nessuno: trasmissioni Rai, Sky o Mediaset, non importa. Nel caso dell’Isola dei famosi, il canna-gate (tralasciando il fatto che in Honduras si rischiano fino a 20 anni di carcere) è solo uno dei grimaldelli che usiamo per smontare la finzione del reality e per mostrare i possibili inganni nei confronti dei telespettatori, nonostante le reticenze e i tentativi di insabbiamento di tanti come te. Ma a te, scrivi, “tutto questo fa schifo”. Certo, perché sei costretto a coltivare e ad allevare certi personaggetti per poi poter scrivere ancora i tuoi articoli. Lo capiamo benissimo: i tuoi “conflitti di interessi” sono evidenti a tutti. Non inventare fantasiose guerre con Magnolia e non nasconderti dietro la falsa difesa di Alessia Marcuzzi: lei sa benissimo difendersi da sola e, anzi, avvocati come te rischiano solo di danneggiarla ulteriormente. Quanto agli “incrementi di ascolti”: se c’è qualcuno che, guardando l’Auditel, deve ringraziare Striscia, quel qualcuno è l’Isola dei famosi. Ciao e tanti saluti alla parrocchietta.

Un post condiviso da Striscia la notizia (@striscialanotizia) in data:

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Nic 24 Marzo 2018 at 13:14

    Chi è la vittima di tutto questo? Sempre noi, telespettatori un po’ coglioni che credono che “Striscia” vada contro “L’Isola”, programma della stesa emittente per svelare i meccanismi ingannevoli della televisione senza guardare in faccia nessuno MA IN REALTA’ con lo scopo
    di incrementare gli ascolti dello stesso reality e far tornare i conti nella stessa parrocchietta berlusconiana. Pensateci.

  • Marco 24 Marzo 2018 at 3:21

    Mi rifiuto di leggere tutto quello sapendo di che merda si tratti

  • nicola83 23 Marzo 2018 at 22:12

    Sonia Bruganelli ha completamente torto.
    Sul caso canna gate la Marcuzzi ha sempre cercato, con complicità della Magnolia, di nascondere la verità al pubblico ed ha sempre aggredito Eva Henger che stava solo dicendo la verità… come è stato poi ampiamente provato.
    Striscia ha fatto solo il suo lavoro… e lo ha svolto bene.

  • Artik 23 Marzo 2018 at 20:43

    Boh.

    Non ho molto seguito la vicenda se non dal tuo blog.

    Due pensieri al volo.

    Ma la frase “non capisco perchè Striscia si accanisca tanto con un programma dell’azienda” esattamente sarebbe? Che se il programma fosse stato in RAI allora era giusto demolirlo, se è della stessa rete è meglio l’omertà?
    Terrificante.

    E due. L’eventuale allusione ad una disinvoltura sessuale della conduttrice è tanto diversa dalla frase di Alessia “Non ti puoi permettere di giudicare. Io non ti ho mai giudicata per il tuo passato” che ha detto alla Henger?
    Io non ne sono certo.