Jeffrey Tambor licenziato da Amazon per ‘molestie’, la replica del divo di Transparent

Condividi

rs_600x600-150111175621-600-jeffrey-tambor-transparent-jw-11115

“Sono profondamente deluso da come Amazon abbia affrontato queste false accuse contro di me. Sono ancora più dispiaciuto per l’ingiusta descrizione di Jill Soloway nei miei confronti, come se fossi uno che potrebbe fare del male a qualcuno dei membri del cast. Nei nostri quattro anni di storia in questo incredibile spettacolo, queste accuse non sono mai state rivelate o discusse direttamente con me o con qualcuno di Amazon. Pertanto, posso solo supporre che l’indagine nei miei confronti fosse profondamente imperfetta e distorta dall’atmosfera tossica e politicizzata che ha afflitto il nostro set.
Come ho costantemente affermato, mi dispiace profondamente se qualcuno dei miei comportamenti sia stato frainteso da qualcuno e continuerò a difendermi con forza. Deploro profondamente anche che questo programma innovativo, che ha cambiato così tante vite, sia ora in pericolo. Questo, per me, è il più grande dolore”.

Così lo straordinario 73enne Jeffrey Tambor, vincitore di un Emmy, di un Golden Globe e di un SAG grazie al meraviglioso ruolo di Maura Pfefferman in Transparent, ha commentato via Entertainment Weekly il licenziamento in tronco voluto da Amazon. Jeffrey non prenderà parte alla 5° stagione della serie, a questo punto semplicemente inutile, perché travolto dalle accuse di due donne transessuali che hanno denunciato pubblicamente di aver subito molestie sul set.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • ziaassunta 17 Febbraio 2018 at 22:46

    Questi talenti se sono colpevoli dovrebbero essere puniti con dieci anni di recitazione gratis.

  • lorsi 17 Febbraio 2018 at 8:24

    Hanno davvero rotto il cazzo co’ sta storia delle molestie. Se ci sono episodi si fa una denuncia, poi un processo, eventualmente una condanna con conseguente riflessi nella sfera professionale. Quello che sta succedendo in nome del politicamente corretto è orribile. Si distruggono carriere (e anche vite) per un niente. A me poi tutta questa indignazione risulta anche molto fasulla.

  • nicola83 16 Febbraio 2018 at 18:45

    Il licenziamento sarebbe dovuto avvenire solo dopo condanna definitiva del giudice e non certo per quattro voci…