Francesco Gabbani e il Pride di Madrid: ‘sono un sostenitore della comunità gay ma non ne faccio parte’

Condividi

francesco-gabbani-pacco

«Mi hanno invitato e ne sono felice. Nonostante i passi avanti, ancora oggi in Italia non è facile uscire allo scoperto. Nel mio piccolo sono un sostenitore della comunità gay; ma non ne faccio parte».

Così Francesco Gabbani, via Corriere delal Sera, è tornato a quell’EuroPride madrileno che lo scorso anno l’ha visto tra i protagonisti. Friendly sì ma tutt’altro che omosessuale, essendo fidanzatissimo da sei anni.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Florinz deBahia 2 Gennaio 2018 at 5:49

    a parte che bisogna vedere se sono riportate le parole testuali poi vorrei capire cosa sarebbe la comunità omosex, non basta la comunità degli umani in generale?

  • Patrick Padova 2 Gennaio 2018 at 3:20

    E invce se si fosse fermato a dire che è un gran sostenitore sarebbero usciti miliardi di articoli insinuanti la sua omosessualità. Dirà poi quello che vuole no? Se non lo è, deve farvi contenti e tacere? Mamma mia, che problemi avete con le vite altrui?

  • Valerio 1 Gennaio 2018 at 13:25

    Sarebbe stato più gradevole dire “anche se non ne faccio parte”, così faceva comunque la precisazione (se si sentiva di farla) ma anche veicolare il messaggio che non c’è bisogno di esserne parte per condividerne le lotte.

  • Mdzboy 1 Gennaio 2018 at 13:22

    Ammazza un grande sostenitore, ma con la precisazione(mi raccomando!). Nessuno dei miei amici etero fa ste precisazioni. Se sei un vero sostenitore non hai nulla da precisare, altrimenti è un po’ un controsenso. Gabbani lo farà per marketing e per vendere quattro dischi in più e si vede.

  • Julus 1 Gennaio 2018 at 10:55

    Effettivamente la precisazione è antipatica ma lo comprendo, dato che l’Italia è la patria del pettegolezzo velenoso.

  • ziaassunta 31 Dicembre 2017 at 20:29

    Francè tu piaci a tutti, vai come il pane caldo.

  • Bless TheQueer 31 Dicembre 2017 at 16:34

    Bastava fermarsi a “sono un sostenitore della comunità LGBT”. Punto.