Kim Cattrall, ‘fuori dal set MAI stata amica di Sarah Jessica Parker, Kristin Davis e Cynthia Nixon’

Condividi

 gallery-1508751226-sex-and-the-city-cast

Prosegue la polemica a distanza tra Kim Cattrall, storica Samantha Jones di Sex and the City, e le sue tre colleghe di set.
Dopo aver affossato il 3° capitolo cinematografico della serie tv, la 61enne Cattrall ha infatti nuovamente preso le distanze da Sarah Jessica Parker, Kristin Davis e Cynthia Nixon durante lo show tv Life Stories.

«Non siamo mai state amiche. Siamo state colleghe e in alcuni casi è meglio così. Non le vedo mai. L’unica cosa che ci accomunava era la serie e la serie è finita da un pezzo».
«Sono un po’ stanca di essere dipinta sempre come la stron*** di turno. Non ho mai chiesto soldi e non ho mai preteso di essere inserita in nessun progetto. Trovo ridicolo che mi descrivano come una diva capricciosa».

Insomma colleghe di set e nient’altro.
Dopo due decenni di rumor, che dipingevano complicate lavorazioni a causa dei continui diverbi tra Sarah, anche produttirce, e Kim, la conferma definitiva.
Se so sempre state sul cazzo.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Gwen Stefano 24 Ottobre 2017 at 3:21

    “I wanna thanks my girlfriends. Men may come and go but women stay”.
    https://media.giphy.com/media/xUA7bhmem70gIHjctO/giphy.gif
    https://media.giphy.com/media/xUA7aWmYV3UklCTQ8U/giphy.gif

  • chiaaa 23 Ottobre 2017 at 17:02

    Anni fa ai Golden Globes ringraziava le sue colleghe come fossero inseparabili sorelle di sangue. “Queste tre donne mi hanno veramente cambiato la vita…” affermava emozionata nello speech addirittura incensando “la grande” Sarah Jessica Parker, il “suo cuore” Cintya Nixon e Christine Davis.

    Qui il video —> https://www.youtube.com/watch?v=DKJ9bWSwe8M

    Comunque i casi sono due: o è un’ottima attrice (quindi nello speech dei Golden Globes si prese gioco di loro) oppure i problemi sono emersi dopo. Quel che è certo è che per il secondo film abbia preteso un cachet da 7 milioni di dollari contro i 2 milioni offertile (e che erano lo stesso compenso della Nixon e Davis). Alla fine la produzione l’accontentò e in un’intervista post film disse che “aveva insistito perché voleva assicurarsi di essere economicamente sistemata a vita”.

    Può essere che questo fatto abbia di fatto indispettito le altre, pagate tre volte meno e che sia il motivo per cui hanno preso le distanze. Comunque si dice che per il terzo film abbia realmente avanzato ulteriori pretese (si parla di richieste di produzione di tre progetti che portano la sua firma) e probabilmente il rifiuto da parte della major ha fatto scattare il suo “no” definitivo.

    Comunque non c’è niente di nuovo, le attrici a noi sono familiari e simpatiche, ma queste si sono viste per tre mesi di fila per 6 anni consecutivi. Finite le riprese, finiti gli impegni di produzione ciascuna tornava alla sua vita e si dedicava ad altri progetti. Il lavoro è una cosa, la vita privata un’altra.

  • Aran Banjo 23 Ottobre 2017 at 14:56

    ma perchè tu sei amicone di OGNI tuo collega ?