E’ morta Marta Marzotto, regina di mondanità

Condividi

Schermata 2016-07-29 alle 10.27.36

9788860526359.1000_0Giovane e bella da fermare il cuore, dalla miseria delle risaie di Mortara si è ritrovata, negli anni Cinquanta, a sfilare sulle passerelle delle più importanti case di moda. E, come Cenerentola, viene notata dal rampollo di una nobile famiglia di imprenditori veneti, i Marzotto, che si innamora perdutamente di lei. Ma questo non è l’happy end di una favola, è solo l’inizio. In quindici anni dalla coppia più invidiata d’Italia nascono cinque figli, e la regina di Palazzo Stucky organizza cene, cacce, ritrovi con banchieri, magnati e teste coronate, anche se la gabbia dorata della provincia comincia ad andarle stretta. Sta per iniziare la sua nuova vita, quella della Roma mondana, così meticcia e così speciale, in cui il suo salotto di piazza di Spagna diventa il centro pulsante della vita culturale, politica e imprenditoriale italiana. Ma il vero cuore di queste memorie è l’intensità del legame con Renato Guttuso, un amore che condizionerà per vent’anni l’arte di uno e la vita di entrambi. Lui la dipinge ovunque, le scrive cinque lettere al giorno. Lei lo trascina con la sua vitalità contagiosa in una seconda giovinezza. Poi, un giorno di gennaio di trent’anni fa, l’incantesimo si spezza e tutto cambia. La fine del grande pittore si tinge di mistero e a pagarne il prezzo più alto è proprio lei, la sua musa. Dopo i giorni degli eccessi, delle passioni e della rutilante notorietà, arriva il tempo delle lacrime e del dolore. Senza mai tradire se stessa, fedele alle sue iperboli e ai suoi superlativi, se n’è andata Marta Marzotto, ultima vera regina dei salotti e della moda italiana.
Quel che avete letto non è altro che la sinossi della sua ricchissima biografia, Smeraldi a colazione. Le mie sette vite, edito da Cairo Publishing.
Ad annunciarne il decesso la nipote Beatrice Borromeo.
Malata da tempo nonchè fonte di ispirazione per la fantozziana Contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare, la Marzotto si è spenta all’età di 86 anni. Intervistata da Marie Claire si disse contraria ai matrimoni gay, a suo dire ‘contronatura’, per poi chiudere con un ‘amo i froci, ma preferisco i proci. Scherzo… adoro i gay per davvero‘. Cosi come iil mondo LGBT adorava lei.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Lover 29 Luglio 2016 at 18:52

    pure la Ripa di Meana: ossigeno rubato alla biosfera

  • Lover 29 Luglio 2016 at 18:49

    Una parvenue senz’arte né parte. Ovviamente, non mi stupisco del tono dell’articolo… ma, permettimi di dire una cosa: sarò FROCIO ma non l’ho MAI adorata.

  • Marco 29 Luglio 2016 at 18:02

    Mai capito che cazzo facesse. Moglie di ricchi punto e a capo.

  • antipapa 29 Luglio 2016 at 17:07

    Che orrore. Per fortuna che è crepata. Fosse successo prima di dire simili porcate, sarebbe stato meglio per tutti e anche per l’anima de li mortacci sua.

  • Seeee 29 Luglio 2016 at 15:03

    Si, come un attacco di diarrea

  • Roby 29 Luglio 2016 at 15:02

    Praticamente una troia d’alto bordo, ha scopato con cani e porci e si permetteva di giudicare gli altri. Un altro essere inutile, come la sua “collega” Cretina Ripa di Meana…

  • foto 29 Luglio 2016 at 13:36

    L’intervista non è per niente come la descrivi tu.

    54. Hai più amiche donne o uomini? Amo i froci, ma preferisco i proci. Scherzo… adoro i gay per davvero.

    55. Cosa pensi delle nozze gay? Sono contraria, è contro natura.

    56. Ma non è un diritto negato? Macché diritto! Hanno la fortuna di potersi adottare a vicenda in pochi giorni, senza le complicazioni degli etero.

  • antipapa 29 Luglio 2016 at 11:11

    Regina di omofobia! Anche a La Zanzara non una ma ripetute volte non ha fatto che ripetere bestialità contro le famiglie omosessuali con un repertorio degno di Mario Adinolfi. Trovo incredibile Apo che tu minimizzi il tutto riducendolo a una battuta su Marie Claire. Non era una semplice battuta, era incancrenita da un retaggio bigotto e medievale. Libertaria de stocazzo sulle cose che facevano comodo a lei ma una specie di sentinella in piedi se si parlava di matrimonio egualitario. Non ci mancherà affatto, anzi meglio essercela levata di torno.

  • pop 29 Luglio 2016 at 10:46

    meravigliosa e indimenticabile.