Cathy la Torre e l’omofobia della ragazza sul treno

Condividi

Schermata 2016-05-31 alle 18.38.38

Perché non bisogna mai tacere e/o voltare la testa, dinanzi alla gratuita e ostentata omofobia. Ma reagire con prontezza e nervi saldi, rimarcando tutta la loro volgarità mentale. Brava bravissima Cathy, consigliera comunale a Bologna nonché fondatrice del primo sportello legale nazionale per i diritti delle persone LGBTQ. Più gay, transgender e lesbiche così, e vivremmo probabilmente in un Paese meno omofobo.

13164225_10209486672186473_3965368262357693608_n

Autore

Articoli correlati