Torino, cacciati dal palazzo perché gay – lo sdegno del sindaco Fassino

Condividi

Schermata 2016-05-04 alle 14.04.43Ha davvero dell’incredibile la storia che arriva dalla civile Torino, che ha visto una coppia gay di fatto ‘costretta’ a cambiare casa perché minacciata da buonaparte dei vicini.
Un vero e proprio condominio contro di loro, accusati di “tenersi per mano” e di “baciarsi in pubblico”, tanto da dover subire per mesi insulti omofobi e minacce, per non parlare di quella svastica fatta trovare in ascensore.
I due si sono giustamente rivolti alla legge, con un processo che ha preso vita con l’accusa di stalking.
Ad intervenire sulla vicenda il Sindaco di Torino Piero Fassino, in odore di facile rielezione alle imminenti elezioni comuncali, che su Facebook non ha usato mezzi termini per commentare l’accaduto.

‘La vicenda dei due ragazzi costretti ad andarsene dal condominio nel quale vivevano ci riempie di sdegno e di tristezza. Torino rifiuta la violenza con cui si esprime una delle discriminazioni peggiori, quella basata sull’orientamento sessuale. Lo ribadirò anche questa sera, quando parteciperò come gli anni scorsi alla serata inaugurale del TGLFF – Torino Gay and Lesbian Film Festival’.

Una presenza importante al TGLFF, quella di Fassino, con Ilda Curti, responsabile delle politiche comunali alle Pari opportunità, che ha rincarato la dose:

“Questo episodio di omofobia dimostra che anche in una città come Torino – che ha fatto della libertà e della lotta alle discriminazioni un tratto distintivo della sua identità civile – i pregiudizi e la prevaricazione possono svilupparsi. Non bisogna, mai, abbassare la guardia. Voglio ribadire anche alle vittime di questo episodio – al di là dell’esito giudiziario – la solidarietà attiva e convinta dell’Istituzione che rappresento”.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • R 4 Maggio 2016 at 18:25

    Torino non è così civile come scrivi tu, forse perchè sei di Roma, abituato a di ben peggio? Vi ricordo che Torino è la prima città “meridionale” del “nord” Italia grazie alla famiglia Agnelli che nel dopoguerra ha fatto venire su un sacco di gente solo per poterla sottopagare e naturalmente son venuti su solo gli scafati quelli che non ne hanno mai abbastanza. Collusioni e collisioni all’ordine del giorno. Per non parlare poi di tutto quel mucchio di mussulmani che spacciano droga a cielo aperto ed i cui proventi forse finiscono proprio nelle tasche dei politici che permettono tutto ciò. Porta Palazzo è una merda, lo stesso San Salvario. Barriera di Milano potrebbe benissimo chiamarsi “sbarriera” vista l’alta percentuale di ex detenuti e criminalità stradiffusa. Torino è anche la città dove ci sono i ghetti per gli zingari. Le cose belle e civili di Torino sono tutte occultate e tenute ben strette sempre e solo dalle solite famiglie. Se tu questa la definisci civiltà…