North Carolina, PayPal blocca tutti gli investimenti a causa della legge transomofoba

Condividi

PayPal+gay

Dopo Google anche PayPal ha deciso di scendere in campo contro l’ormai tristemente celebre legge transomofoba del North Carolina.
L’azienda ha infatti bloccato gli investimenti previsti, pari a circa 20.4 milioni di dollari l’anno, con ben 400 posti di lavoro al momento ‘congelati’ proprio a causa della “religious freedom”.

“È una legge che discrimina e viola i principi che sono il fulcro della mission e della cultura di PayPal, e in quanto tale PayPal non procederà con l’espansione pianificata a Charlotte”.

Parole durissime quelle utilizzate dal CEO Dan Schulman, per un intervento a gamba tesa che arriva dopo i boicottaggi arrivati da Hollywood, Broadway e dal mondo della musica. Anche Apple, Facebook, Uber, Cisco, IBM e Salesforce si sono schierati CONTRO questa porcata, che in nome di una ridicola libertà religiosa nel discriminare gli altri sta tramutando la Carolina del Nord nel posto più odiato d’America. Complimenti.

Autore

Articoli correlati