Omicidio Varani, il vescovo di Ferrara lo strumentalizza per attaccare le unioni civili

Condividi

luigi-negri-papa-luciani-bergoglio

Stiamo vivendo un momento terribile, che non riusciamo a definire, mentre, impietriti dall’orrore, ci passano davanti per l’ennesima volta i racconti sempre più dettagliati dell’efferato omicidio di Roma, espressione disumana di una violenza perseguita senza esitazioni ad opera di due giovani che dalla vita hanno avuto tutto, e così hanno creduto di potersi concedere pure la particolarissima esperienza di vedere cosa si provi ad ammazzare un ragazzo, un essere umano”. “Queste sono le macerie di un’umanità e di una società che ha preteso di fare a meno di Cristo, anzi di opporsi, di ridurlo e di emarginarlo molte volte con la violenza, arrivando a fare l’esperienza amarissima di una dissoluzione della propria stessa vita. Molte volte la disperazione è mascherata dalla presunzione di successo o di benessere perseguito a tutti i costi o dall’espressione incondizionata dei propri istinti e dei propri desideri, a cui questa società si dispone a concedere ogni riconoscimento civile e giuridico”. “Penso anche allo sproporzionato e inaudito impegno per promuovere leggi che minano alla base la famiglia e la vita umana, trascurando i grandi ed evidenti problemi reali del Paese e della gente, come il lavoro, l’immigrazione, l’insicurezza del vivere, la giustizia sociale”. “Di fronte a tutto ciò non possiamo non dire, con vivida chiarezza, che questo è un disegno per rinchiudere definitivamente Gesù Cristo nel sepolcro, alla stregua dei farisei e delle autorità sacerdotali del suo tempo”.

Prendere un fatto di cronaca nera, legarlo in modo indegno al mondo omosessuale e cavalcarlo per attaccare un DDL che nulla farà se non dispensare diritti a chi diritti non ne ha.
Luigi Negri, vescovo di Ferrara, lei è la chiara espressione di tutto ciò che più orrore ci fa della chiesa cattolica.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Nicholson Klein 23 Marzo 2016 at 3:11

    Vogliamo parlare della rete di pedofilia che esiste all’interno della vostra sacra chiesa e che voi cercate di nascondere? Vogliamo parlare delle centinaia di migliaia di persone a maggior parte bambini che muoiono di fame e voi non fate niente? Vendete tutto il vostro oro e sfamate la gente CRETINI CHE NON SIETE ALTRO.

  • Lubamba Redenta 21 Marzo 2016 at 23:46

    ricordiamo a questo figuro che la quasi totalità delle stragi, degli omcidi e delle raccapriccianti storie di cronaca nera avvengono in famiglie … “tradizionali” ?

  • Marcel P. 21 Marzo 2016 at 19:30

    Sciacallo!

  • Signorino tumistufi 21 Marzo 2016 at 18:09

    La logica l’ha lasciata in sacrestia..
    Ah giusto, durante il medioevo in cui la chiesa e il timore di dio incombevano, vigeva prosperità e pace ..eh già.
    Vescovo capra !
    Io poi non ho mai sentito alcun prete criticare il matrimonio a qualche funerale di qualche moglie uccisa dal marito…chissà perché

  • Personcina 21 Marzo 2016 at 16:43

    Sarebbe come scagliarsi contro i matrimoni etero visto che un giorno sì e due pure una moglie o fidanzata viene fatta secca (e spesso insieme ai figli).

  • Shkval 21 Marzo 2016 at 15:24

    Gli omicidi inteso sia come atto che persone ci sono anche nella “società di Cristo” e se volete inizio ad enumerarli. Sarà forse perché essere immaginari non possono impedire le scempiaggini umane?

  • lorsi 21 Marzo 2016 at 14:17

    Poche chiacchiere prete.
    Molla i soldi dell’8 per mille e di tutte le altre poste che ti gira lo Stato italiano e poi apri bocca.
    Fino a quando, che ci piaccia o no (e davvero non ci piace!), ti paghiamo noi hai il dovere di stare zitto.
    Quando andrai a lavorare, ti guadagnerai da vivere e pagherai le tasse (ahahahah) allora potrai esprimere i tuoi pensieri.
    Fino a quel momento taci.

    Parassita.

  • lorenzino 21 Marzo 2016 at 12:45

    benissimo, abbiamo fatto 30, facciamo 31: dopo aver rinchiuso definitivamente gesù cristo nel sepolcro, rinchiudete irrevocabilmente ‘sto lampadario clericale in manicomio con un agnello pasquale e un ramoscello d’ulivo, facendo bene attenzione a lasciargli al collo quel cappio che si porta dietro…

  • iBozzo 21 Marzo 2016 at 12:34

    mi vergogno di abitare a Ferrara