Renato Zero parla di matrimoni gay e adozioni: mi auguro vengano approvati anche in Italia

Condividi

 

12742396_1139107292768289_6089426033123850031_n

Domanda: si augura che la legge sui matrimoni gay e sulle adozioni delle coppie gay venga approvata anche in Italia?
Rrisposta: “Sì. Nel mio percorso non ho fatto altro che stuzzicare le coscienze aiutandomi con l’efficacia di un microfono. Chi non accetta
queste semplici regole di pacifica convivenza probabilmente per qualche motivo non vuole la felicità degli altri e lui stesso non si sentirà mai appagato“.

Via TVSorrisiECanzoni, acco ricicciare fuori una VECCHIA presa di posizione su matrimoni gay e adozioni da parte di Renato Zero (è del 2013), due settimane fa AMBIGUO sul palco dell’Ariston eppure 3 anni fa molto più chiaro e diretto, su carta.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Daniii 7 Marzo 2016 at 17:15

    😉

  • Macs 7 Marzo 2016 at 11:06

    Mi hai ucciso.

  • AlaDino 1 Marzo 2016 at 21:55

    Veramente, il fatto che siano parole dette 3 anni fa non cambia niente. Anzi, conferma il fatto che prima dell’uscita dei suoi dischi si riscopre “gay friendly”. Tre anni fa o adesso non fa differenza.

  • BlueRoyale 1 Marzo 2016 at 2:28

    Come dire.. Too little too late.

  • Daniii 29 Febbraio 2016 at 21:21

    Mi rimane un dubbio: quanto e’ alto Renatone?!

  • Daniii 29 Febbraio 2016 at 21:20

    Infatti, guarda caso la Renata si riscopre frociarola a 2 giorni dall’uscita dell’ennesima cosa irrelevant che tenta di propinarci…

  • Marcel P. 29 Febbraio 2016 at 19:26

    Finalmente a 65 anni riesce a tirare fuori qualche parola decente sui gay! E’ proprio il caso di dire: meglio tardi che mai.

  • rocco 29 Febbraio 2016 at 16:10

    le #parabole di Renato. Accattatavillo.

  • AlaDino 29 Febbraio 2016 at 15:25

    Oh toh! A pochi giorni dall’uscita del singolo…Altro che miracolo.

  • AlaDino 29 Febbraio 2016 at 15:01

    Oh toh! A pochi giorni dall’uscita del singolo…Altro che miracolo.

  • vinz 29 Febbraio 2016 at 14:24

    sempre pero’ questo linguaggio astratto…e che cazzo Rena’, parla come magni ogni tanto.