#UnioniCivili, le prime pagine sull’accordo PD-NCD senza stepchild adoption

Condividi

avvenire-2016-02-23-56cbd05559f8f

Il giorno del giudizio.
Ormai ci siamo.
Nel pomeriggio il PD si riunirà per sposare il maxiemendamento governativo che garantirebbe il passaggio al Senato delle unioni civili in coppia con l’NCD, affossando la stepchild adoption. Nelle stesse ore il Movimento 5 Stelle dovrà provare a dare una risposta all’intero movimento glbtq, che ha chiesto loro un ultimo tentativo per evitare l’abbraccio mortale con Alfano. Ma i grillini riusciranno a ribaltare il tavolo, dopo aver detto NO, NO, NO e ancora NO al canguro (e sì al voto di coscienza sulla stepchidl?). Questo maxiemendamento, tra le altre cose, è un SUPER CANGURO che  andrà ad affossare qualsiasi dibattito parlamentare. Ma la vedo dura comunque, molto dura, perché ai 5 stelle non interessa affatto ‘contribuire’ ad approvare la legge ‘insieme’ al Pd.
E allora eccolo qui, il trionfante titolo dell’Avvenire che gode nell’annunciare l’addio all’adozione del figlio del partner, per mesi impallinato da una scandalosa stampa e da un’indegna classe politica che è riuscita a far propaganda sulla pelle dei bambini.

il_manifesto-2016-02-23-56cb936775731

Autore

Articoli correlati

Comments

  • LatinaGaia 23 Febbraio 2016 at 14:18

    Visto che scrivi che già sai qual’è la posizione del Movimento sulla Cirinna:
    “…la vedo dura comunque, molto dura, perché ai 5 stelle non interessa affatto ‘contribuire’ ad approvare la legge ‘insieme’ al Pd….”

    ecco la nota ufficiale del Movimento stesso:

    “Il Presidente del Consiglio ha deciso che su una legge che riguarda i diritti delle persone, come quella sulle unioni civili, il Parlamento non deve discutere.

    Dopo aver tentato di strozzare il confronto in Aula con l’emendamento canguro, dopo aver rifiutato la nostra proposta di stare in Aula anche il weekend per approvare la legge in tempi rapidi, ora cala la carta del voto di fiducia, che esautora il Parlamento e azzera ogni confronto.

    Il Pd è dilaniato al suo interno e non ha la forza nè i numeri per approvare questa legge, perciò la strategia è quella di mettere il bavaglio al dibattito, evitare di spaccarsi in Aula e poi scaricare tutte le responsabilità sul MoVimento 5 Stelle.

    Noi chiediamo invece che si stabilisca una data certa entro cui votare il Ddl sulle unioni civili, senza impedire il dibattito in Aula: i tempi per farlo ci sono, lo hanno confermato anche i tecnici del Senato, e ci sono al 100% anche i nostri voti. Lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo. Perciò approviamo questa legge subito, ma facciamolo nel rispetto delle regole della democrazia. Se così non sarà, vi faranno credere che non si fidano del M5S, quando in realtà non si sono fidati di loro stessi.” M5S Parlamento

    UPDATE: La presidenza del Senato ha dichiarato inammissibili, poichè non c’è ostruzionismo, tutti gli emendamenti ‘canguro’ alla legge sulle unioni civili, compreso quindi l’emendamento Marcucci (PD): il famoso “super canguro” che il M5S non avrebbe votato, ma che in realtà non è mai stato messo in votazione e ora dichiarato inammissibile. #ChiedeteScusaAlM5S. No alla fiducia, votiamo in Aula!

  • Daniii 23 Febbraio 2016 at 14:12

    Vergogna. Qui sconfiniamo nel crimine contro l’umanità. E’ davvero indecente approvare senza la Stepchild Adoption, che e’ una condizione necessaria per la serenità di qualsiasi famiglia.

  • stilographs 23 Febbraio 2016 at 10:34

    L’Italia ha smesso di essere un esempio dai tempi dell’Impero Romano.
    Questa legge è, invece, una autentica sconfitta. Verranno riconosciute le unioni (sono curioso a questo punto di capire cosa accadrà con le pensioni) ma non i figli. Un’autentica presa in giro da parte di chi si riempie la bocca con i bambini e con i loro diritti. E sbaglia chi si sta accontentando. Passeranno secoli per ottenere qualcosa in più (basti vedere l’iter degli altri Paesi, Danimarca in primis). Senza contare che si sta facendo un enorme torto alle famiglie arcobaleno che hanno lottato con noi sin dall’inizio di questa battaglia sanguinolenta e che resteranno al palo. Mi domando cosa andremo a fare a Roma il 5 di marzo. Occorre manifestare immediatamente la nostra contrarietà alla barbarie che si sta perpetrando nelle stanze del potere.

  • ChipsIsTopCheapIsDown 23 Febbraio 2016 at 9:26

    mi dispiace, ci speravo. Avreste superato persino la Svizzera con la Cirinnà, perché qui non abbiamo ancora la stepchild adoption, anche se il parlamento sta lavorando al matrimonio per tutti, ma è ancora una strada molto lunga e piena di insidie (sempre per via dei democristiani). Sareste stati un bell’esempio!