#UnioniCivili, le prime pagine dei giornali sull’ennesimo voltafaccia #M5S

Condividi

avvenire-2016-02-17-56c3e9bb71938

Eccole qui, le prime pagine dei giornali il giorno dopo l’ennesimo voltafaccia politico di un Movimento che non conosce vergogna, perché in grado di mutare opinioni e atteggiamento in base ad un sondaggio, ad una telefonata della Casaleggio & Associati, ad una voglia insana (e oserei dire patologica) di sgambettare il Partito Democratico. Anche a costo di perdere voti, di rendersi ridicoli agli occhi del Paese, di giocare sulla pelle di migliaia di italiani. Quel che è accaduto ieri, e che oggi diverrà realtà, ha un’unica chiave di lettura. Perché se il Movimento 5 Stelle da una parte giura e spergiura che voterà SI’ a tutti e 600 gli emendamenti che attendono al varco il DDL Cirinnà dopo il no al canguro, la verità dice tutt’altro. Perché è il Presidente del Senato a decidere il voto segreto (oltre 150 ne sono stati chiesti dai cattofascisti). E non i grillini, ne’ il Pd. Perché non si è forse mai visto nella Storia della Repubblica una legge uscire indenne da un così alto numero di emendamenti. La maggioranza al Senato per questo DDL è trasversale e si gioca sul filo dei numeri. Basterà un caffè, una pisciata più lunga del previsto o una telefonata in corridoio per perdere pezzi. E azzoppare la Cirinnà. E’ doveroso far sapere a quegli elettori grillini con prosciutto sugli occhi e cerume nelle orecchie che con il NO al super canguro il loro Movimento ha letteralmente distrutto la legge sulle Unioni Civili all’italiana,  da DUE ANNI in discussione. E da trenta attesa come il Messia. Inizialmente avevano detto SI’ al matrimonio gay, poi SI’ alle Unioni Civili e alla Stepchild se il PD non avesse cambiato nulla al suo interno. Poi è arrivato il voto di coscienza, poi la conta sul voto di coscienza ed ora, magia dell’ultima ora dopo una settimana di promesse infrante, il NO ad una discussione RAPIDA e sulla carta indolore. Una mossa politica nata per sgambettare il Partito Democratico e mettere in difficoltà Matteo Renzi, e nient’altro.  Fottendosene di tutti noi. Questo, è quel che è successo, e se ancora non l’avete capito e continuate a difendere una mossa tanto meschina e ripugnante allora è questo quel che vi meritate. Ma almeno abbiate la dignità di tacere, senza obbligarci a doverci sorbire pure le vostre insopportabili cagate. Grazie.

corriere_della_sera-2016-02-17-56c3c8e8b9f0f il_manifesto-2016-02-17-56c3abaedbe29 il_messaggero-2016-02-17-56c3e366ba807 il_secolo_xix-2016-02-17-56c3dba8c4f08 la_repubblica-2016-02-17-56c3fecfb3f19 la_stampa-2016-02-17-56c40d93b6666 libero-2016-02-17-56c3b880d17a0

Autore

Articoli correlati

Comments

  • nicola83 17 Febbraio 2016 at 17:40

    Sono felice di non avere mai votato Grillo in vita mia. I 5 stelle sono tutti dei dementi, e l’hanno dimostrato in pieno. Sparissero dal Parlamento sarebbe meglio, non servono assolutamente a nulla. Fanno solo danni. In termini elettorali, comunque, secondo me lo pagheranno caro questo dietro-front alla legge sulle unioni civili.

  • Luca 17 Febbraio 2016 at 14:04

    La legge viene discussa il aula senza la presenza di un relatore e senza la presenza di nessuno del governo. Il parere sull’ammissibilità degli emendamenti manca. Abbiamo fatto una discussione generale infinita, poi si sono discussi gli emendamenti senza sapere quali erano ammessi o no. L’emendamento “canguro” nonostante sia il più vicino al DDL è stato messo come primo in votazione, questi sono già comportamenti che delineano uno sbando nel PD. Poi gli emendamenti da parte della lega sono stati ridotti a 500 ovvero in 2-3 giorni di serio lavoro la legge sarebbe stata portata a casa. Lo ribadisco il PD – partito di maggioranza – non ha la forza di portare a casa questa legge ma allora il problema è di chi la propone.

  • Andres 17 Febbraio 2016 at 12:58

    Io godo e basta! Primo perchè sapevo fin da una settimana fa che i gay vanno solo bene per fare un pò di colore e share, vedi con le minchiatine arcobaleno attaccate ovunque, secondo perchè trovo ingiusto obbligare un bambino ad avere un altro padre o un altra madre, dovrà essere lui a volerlo quando saprà intendere e volere!
    L’unica cosa sbagliata sarebbero le Unioni Civili ma il resto….giusto!

  • Shkval 17 Febbraio 2016 at 12:24

    Parte del PD la vuole e parte no. Quando Scalfarotto ha detto ad Airola che erano nelle loro mani intendeva esattamente questo. Nel segreto dell’urna tutti gli ipocriti del PD verranno fuori, riducendo invece il numero di votazioni c’era la possibilità di portarla a casa nel modo più indolore possibile. Adesso invece i diritti di tutti balleranno secondo i desideri di pochi con il rischio di non essere approvati. Bel risultato per chi diceva che questa riforma l’avrebbe votata così com’era.

  • Gelido 17 Febbraio 2016 at 11:34

    è piuttosto evidente che il PD abbia problemi ad approvare questa legge, ha degli oppositori al suo interno e fra gli alleati di governo, questa cosa non è mai stata minimamente nascosta dal PD. Però adesso l’unico obiettivo è quello di far venire fuori le sue contraddizioni? Pensavo che l’obiettivo fosse fare una buona legge… E dell’annacquamento della discussione operato sistematicamente dagli oppositori della legge non ci interessa? La Lega che presenta 4500 emendamenti fa un buon servizio alle regole della democrazia? Non so… a me sembra che come sempre in situazioni di “muro contro muro” le forzature ci siano da entrambe le parti, ma il M5S ha scelto di non essere dalla parte del PD, semplicemente. E quindi contro questa legge.

  • Luca 17 Febbraio 2016 at 11:11

    Perché è stato “censurato” il mio post, eppure era pro legge Cirinnà ma evidenziava solo la grande ipocrisia del PD.

  • myname 17 Febbraio 2016 at 11:00

    i 5 stelle sono questo. li avete voluti? li avete votati? bravi.

  • Luca 17 Febbraio 2016 at 10:54

    Premesso che sono favorevole al DDL Cirinnà e visto che finalmente si era deciso di regolamentare e di garantire dei DIRITTI a tutti. Mi spiace registrare invece che l’unico sgambetto a questa legge arriva solo ed esclusivamente dal PD, nel non rispetto dei procedimenti parlamentari, nelle forzature di regolamento, nel continuo annacquamento della discussione che nasconde.. una completa impossibilità dallo stesso partito di Maggioranza e presentatore della legge a far sì che questa sia approvata. È inutile spiegare nel dettaglio i regolamenti del Senato ma se il PD li vuole stravolgere a suo uso questo nasconde un grande malessere al suo interno, quindi la prima cosa da chiedersi è: ma siamo sicuri che il PD desideri questa legge?

  • lorsi 17 Febbraio 2016 at 9:26

    Ho visto uno spettacolo di Grillo all’epoca dei DICO e da certe sue bruttissime battute sul tema mi sono fatto l’idea che in lui ci fosse una vaga latente omofobia.
    I grillini che conosco mi hanno sempre contestato questa cosa come mi contestavano nei giorni scorsi quando dicevo che all’ultimo si sarebbero tirati indietro.
    Appare evidente che il vertice “padronale” del movimento non vuole questa legge alla cui stesura del testo hanno partecipato anche i parlamentari m5s.
    Finirà male temo ma devo dire che non sono affatto sorpreso.
    Come ha detto qualcuno giorni fa al family day “ce ne ricorderemo”.
    Ecco, ce ne ricorderemo anche noi.
    Oh se ce ne ricorderemo!