x

#UnioniCivili, le prime pagine dei giornali sull’ennesimo voltafaccia #M5S

Condividi

avvenire-2016-02-17-56c3e9bb71938

Eccole qui, le prime pagine dei giornali il giorno dopo l’ennesimo voltafaccia politico di un Movimento che non conosce vergogna, perché in grado di mutare opinioni e atteggiamento in base ad un sondaggio, ad una telefonata della Casaleggio & Associati, ad una voglia insana (e oserei dire patologica) di sgambettare il Partito Democratico. Anche a costo di perdere voti, di rendersi ridicoli agli occhi del Paese, di giocare sulla pelle di migliaia di italiani. Quel che è accaduto ieri, e che oggi diverrà realtà, ha un’unica chiave di lettura. Perché se il Movimento 5 Stelle da una parte giura e spergiura che voterà SI’ a tutti e 600 gli emendamenti che attendono al varco il DDL Cirinnà dopo il no al canguro, la verità dice tutt’altro. Perché è il Presidente del Senato a decidere il voto segreto (oltre 150 ne sono stati chiesti dai cattofascisti). E non i grillini, ne’ il Pd. Perché non si è forse mai visto nella Storia della Repubblica una legge uscire indenne da un così alto numero di emendamenti. La maggioranza al Senato per questo DDL è trasversale e si gioca sul filo dei numeri. Basterà un caffè, una pisciata più lunga del previsto o una telefonata in corridoio per perdere pezzi. E azzoppare la Cirinnà. E’ doveroso far sapere a quegli elettori grillini con prosciutto sugli occhi e cerume nelle orecchie che con il NO al super canguro il loro Movimento ha letteralmente distrutto la legge sulle Unioni Civili all’italiana,  da DUE ANNI in discussione. E da trenta attesa come il Messia. Inizialmente avevano detto SI’ al matrimonio gay, poi SI’ alle Unioni Civili e alla Stepchild se il PD non avesse cambiato nulla al suo interno. Poi è arrivato il voto di coscienza, poi la conta sul voto di coscienza ed ora, magia dell’ultima ora dopo una settimana di promesse infrante, il NO ad una discussione RAPIDA e sulla carta indolore. Una mossa politica nata per sgambettare il Partito Democratico e mettere in difficoltà Matteo Renzi, e nient’altro.  Fottendosene di tutti noi. Questo, è quel che è successo, e se ancora non l’avete capito e continuate a difendere una mossa tanto meschina e ripugnante allora è questo quel che vi meritate. Ma almeno abbiate la dignità di tacere, senza obbligarci a doverci sorbire pure le vostre insopportabili cagate. Grazie.

corriere_della_sera-2016-02-17-56c3c8e8b9f0f il_manifesto-2016-02-17-56c3abaedbe29 il_messaggero-2016-02-17-56c3e366ba807 il_secolo_xix-2016-02-17-56c3dba8c4f08 la_repubblica-2016-02-17-56c3fecfb3f19 la_stampa-2016-02-17-56c40d93b6666 libero-2016-02-17-56c3b880d17a0

Autore

Articoli correlati