Lorella Cuccarini non molla: con la stepchild adoption arriverà l’utero in affitto anche in Italia – VIDEO

Condividi

Lorella Cuccarini non molla. Qualcuno dica per favore alla valletta televisiva, diventata ormai simbolo del Family Day quasi quanto Giorgia Meloni, che l’utero in affitto, come lo chiama terroristicamente lei, in Italia è ILLEGALE. Grazie del tuo parere, ma adesso per piacere VOLA lontano da questo Paese.

Pubblicato da OmofobiaStop su Mercoledì 27 gennaio 2016

Ho approfondito questa pratica dell’utero in affitto, e vedere on line questi listini prezzi per l’acquisto dei figli è aberrante. Per garantire dei diritti presunti, perché il diritto al figlio non esiste, si ledono diritti di persone deboli, di donne sfruttate e di bambini strappati alle mamme. I bambini hanno il diritto di crescere con la mamma che li partorisce, a cui vengono tolti‘.

Eccolo qui, il volto tv del Family Day 2016, che continua ad alimentare menzogne sull’inesistente utero in affitto (illegale) all’interno del DDL Cirinnà.
La showgirl più amata dagli omofobi d’Italia.
Lorella Cuccarini.

Schermata 2016-01-28 alle 08.51.24

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Al 29 Gennaio 2016 at 7:31

    Ma se anch fosse, cara cuccarini…l’utero è il tuo? Vogliamo parlare di escort che si prostituiscono volontariamente, vagine culi e peni in affitto? Hai da dire anche su questo? Fa troppo la perbenista con la sua famiglia perfetta e piena di soldi. Ma che si faccia i fatti suoi.

  • Leore 28 Gennaio 2016 at 18:37

    arpia stronza irriconoscente

  • ziaassunta 28 Gennaio 2016 at 18:32

    ormai che si è inimicata metà Italia sostiene i bigotti sperando di tornare a lavorare in tv, miserella cuccarini.

  • R 28 Gennaio 2016 at 17:09

    Ci diresti la tua età, Porella Cuccarini? Credi che non ti dispiaccia di non essere cresciuta con tua madre naturale? Certo, poi dipende da molti fattori… Chissà se sei felice.

  • abc 28 Gennaio 2016 at 14:16

    La tua ultima osservazione mi sembra molto sensata e non ci avevo mai pensato. Effettivamente questo ridimensiona il presunto terribile (per Cuccarini & co.) rischio che la stepchild adoption incentivi la pratica dell’utero in affitto, o meglio tale “rischio” esiste a prescindere. Vaglielo a spiegare…

  • troller 28 Gennaio 2016 at 14:16

    credo che prima o poi ce la ritroveremo in politica. ma è stata zittita e presa di mira molte volte in passato per gli stessi argomenti. la sua tesi è strumentale ovviamente, ma è meglio non prenderla in considerazione.

  • Porella Cuccarini 28 Gennaio 2016 at 11:49

    Che poi io, da ragazza adottata, mi sento molto offesa dalle cattiverie questa stronza.
    E mia madre ancora più di me

  • dert 28 Gennaio 2016 at 11:24

    oh ma che vuole questa?
    ma possibile che più si diventa anziani e più si diventa cosi…medioevali?

  • Personcina 28 Gennaio 2016 at 10:45

    E’ strumentale, è inutile negarlo. Si stanno attaccando alla stepchildadoption per far rifiutare l’intera legge. Io la penso talmente male che credo che non sia neanche casuale il tentativo di sfiduciare il governo per via del decreto salvabanche proprio ieri.
    Come giustamente fatto notare in trasmissione dal tale che siedeva accanto, è proprio con una regolamentazione dell’utero in affitto chiara e severa che si evitano questi fantomatici scenari. Quegli stessi scenari che esistevano già da prima ma che evidentemente non solleticavano la coscienza di questi individui finchè non si è presentata la questione unioni civili.
    E poi che senso ha dire “porteranno all’utero in affitto”? Con questo ragionamento (scusate il parolone) dovrebbero fare il test di fertilità alle coppie etero che vogliono sposarsi e, nel caso, impedirglieo per legge. Oppure anche alle donne già in menopausa.
    Poi, dico questa che forse è una cazzata perchè non sono addentro a queste cose tecniche, poi la faccio finita; quale sarebbe la differenza in questo senso con le unioni civili senza stepchild adoption (a parte non dare risposte a migliaia di bambini che già ci sono e andrebbero tutelati)? Voglio dire, una volta che una coppia omosessuale è regolarmente sposata in Italia, non potrebbe comunque andare all’estero e ricorrere ad una madre surrogata ? L’unica differenza è che il compagno che non ha contribuito al “fattaccio” non può adottare il figlio dell’altro in caso di decesso di quest’ultimo. E allora de che stamo a parla?! O forse mi sfugge qualcosa?

  • Luca 28 Gennaio 2016 at 10:10

    ma perché si continua a parlare dell’utero in affitto che 1) è illegale in Italia già da tempo e 2) proprio per questo non ha niente a che vedere con la legge Cirinnà?

    E poi: ma perché a chi dice che la stepchild adoption apre la strada all’utero in affitto nessun giornalista ha le palle di chiedere una spiegazione sul come e perché?!?