x

Unioni Gay, la CEI contro il Parlamento UE: che l’Italia se ne fotta

Condividi

«La raccomandazione dell’Unione Europea sulle nozze gay non deve necessariamente essere seguita nel nostro Paese. La mozione è stata approvata con percentuali risicate dal Parlamento Ue, anzi risicatissime, con l’Europa che continua ad andare sulla linea di questa cultura, di questo sentire abbastanza diffuso e che tende a imporre un certo modo di vedere, di pensare, rispetto a questi temi». «Bisogna che noi, in Italia, continuiamo con chiarezza, senza tentennamenti, a dire la verità sulle cose, nel rispetto di tutti, nel rispetto dei diritti dei singoli, evitando che queste forme di raccomandazione creino soltanto appiattimento e facciano danno a quella che, invece, è la bellezza della differenza».
Pensieri e parole di monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei che ha così reagito alla presa di posizione del Parlamento Europeo che ha ricordato ai Governi di tutta Europa di legittimare le famiglie glbtq.
Ma in Vaticano, sti rosiconi demmerda, non ce vonno stà.

Autore

Articoli correlati