Shonda Rhimes e le sue serie gay oriented: non sto diversificando la TV, la sto ‘normalizzando’

Condividi

Io odio la parola “diversità. Suggerisce qualcosa di diverso. Come se si trattasse di qualcosa di speciale. O di raro. Ho un’altra parola da usare: ‘normalizzare’. Io sto normalizzando la tv. Faccio una televisione che guarda al mondo. Le donne, le persone di colore, le persone glbtq sono più della metà della popolazione mondiale. Il che significa che non sono fuori dal comune‘.

E provate a contraddirla, se je la fate.
Le regole della serialità perfetta.
Firmate Shonda, giustamente premiata con un Ally for Equality Award.

Autore

Articoli correlati