Studente coreano replica con coraggio all’omofobo sondaggio scolastico

Condividi

In una scuola della Corea  Il Preside ha fatto circolare un sondaggio legato all’omosessualità dopo aver scoperto una relazione ‘lesbo’ le sue studentesse.
Non sia mai.
Qualcosa di folle e inimmaginabile.
E’ così sorto una sorta di sondaggio conoscitivo in cui chiedere in FORMA ANONIMA a tutti gli studenti della scuola il proprio parere a riguardo. Tra le domande più agghiaccianti questa: ‘quali azioni dovrebbe intraprendere la scuola per scoprire gli omosessuali?’.
Ecco la coraggiosa risposta di uno studente, diventata virale dopo la pubblicazione on line di un’ex insegnante:
Nessuna. L’omosessualità è una caratteristica personale di uno studente e la scuola non può interferire con essa. Questa indagine è stata creata con lo scopo di punirla, è assurdo. Proprio come le persone introverse che impiegano più tempo degli altri per conoscere altre persone, o come i ragazzi fissati con l’igiene che sono più puliti degli altri, l’omosessualità non è altro che la tendenza di una persona speciale. Prima di provare a creare un ambiente di vita sano la scuola dovrebbe lavorare sul proprio livello mentale, dal momento in cui è l’ambiente di apprendimento degli studenti. La scuola installa lavagne high tech ed erba nuova di zezza sul campo di atletica per essere ‘moderna’. E il concorso di saggistica sottolinea i problemi quotidiani legati alla discriminazione, il più delle volte basati sulla disuguaglianza sessuale. Eppure questo sondaggio, che andrebbe subito gettato nell’immondizia, è primitivo ed incredibilmente discriminatorio. Tutto ciò è molto paradossale‘.
Studente batte Preside 10-0.

Autore

Articoli correlati