Beatrice Lorenzin a Porta a Porta: niente figli per i gay, servono una mamma e un papà

Condividi

Sono contraria all’eterologa per le coppie gay, perché non mi si convince che nel progetto della genitorialità si debba rinunciare a prescindere a una delle due figure di riferimento”. “Tutta la letteratura psichiatrica da Freud in poi riconosce l’importanza per il bambino di avere una figura paterna e una materna per la formazione della propria personalità“.
Tu chiamala se vuoi MINISTRA della Salute.
Alla facciaccia della Ministra, visto e considerato che come ricordato da Francesca Vecchioni ‘lei non è a conoscenza della ricerca fatta sull’omogenitorialità negli ultimi trent’anni che ha stabilito che la genitorialità prescinde dal sesso delle persone‘.
Basterebbe informarsi, leggere, studiare, prima di aprire bocca e sparare cagate.
Ma sarebbe oggettivamente chiedere troppo ad un Ministro della Salute.
Pure noi dico io, ma che cazzo volemo.

Autore

Articoli correlati