x

Tutti in Piazza Santi Apostoli per dire BASTA all’intolleranza e a TUTTI i razzismi

Condividi


CasaPound NO, non ci sarà.
Alla fiaccolata contro ogni tipo di razzismo e tutte le violenze, attesa quest’oggi alle ore 19 in Piazza SS. Apostoli, voleva partecipare anche CasaPound, associazione legata all’ULTRADESTRA. Immediate le polemiche, con Zingaretti e Piero Marrazzo prima, e Alemanno poi, che hanno chiesto chè tutto ciò non avvenisse. Tutto ciò NON avverrà, visto che alla fine CasaPound non ci sarà.
Ci saranno invece TUTTE le associazioni glbt della capitale, dal Mieli all’Arcigay, passando per il Di Gay Project, fianco a fianco alla comunità ebraica e alla DIOCESI, probabilmente in strada per QUALCHE tipo di razzismo ed intolleranza, visto il NO alla mozione contro l’omofobia dell’anno scorso targato Vaticano Style.
La città intera è chiamata a scendere in strada, visto il velo di violenza e delinquenza che è palesemente calato sulla città da qualche mese a questa parte. Per protesta, su Facebook, è nata una particolare iniziativa.
Siamo tutti FANTASMI, potrebbe essere definita. Gli organizzatori, infatti, parteciperanno alla fiaccolata VESTITI DI BIANCO e con una MASCHERA DI CARTA BIANCA SUL VISO, con anesso striscione bianco e le rainbow. Queste le motivazioni:
– Fantasmi perché così vorrebbero che fossero le persone lgbtqi.
– Fantasmi, perché non sono violenza e razzismo i nemici delle persone
lgbtqi, ma ignoranza e ipocrisia.
– Fantasmi, che ci sono e non hanno paura di mostrare agli ipocriti di oggi che c’è una comunità lgbtqi che non si nasconde e non china la testa
-Fantasmi del diritto, della giustizia, nelle famiglie, dove lavoriamo o studiamo.

– Fantasmi perché non vogliamo che l’omofobia sia identificata solamente con la violenza. Omofobia è non riconoscere le coppie omosessuali. Transfobia e omofobia è non intervenire con delle politiche culturali nelle scuole e nei luoghi pubblici. Omofobia è dire che non tutti gli affetti devono essere riconosciuti. Noi ci saremo, ma ribadiremo ciò che per noi è l’omotransfobia.

ORE 19, da piazza Ss. Apostoli, per concludersi vicino al Colosseo, nei pressi della gay street, dove si arriverà percorrendo via Cesare Battisti, piazza Venezia e via dei Fori Imperiali.
Probabilmente non servirà ad un cazzo, ma sarà importante esserci.

Autore

Articoli correlati