I Jalisse dopo il trionfo a Sanremo 1997: “Non potevamo uscire di casa, venivamo presi in giro” – VIDEO

Condividi

“Tutto iniziò con Sanremo Giovani 1995. Superammo le selezioni nel 1995 e andammo al Festival di Sanremo 1996, sempre nella categoria Giovani, dove presentammo il brano ‘Liberami’. I primi 8 classificati di quell’anno, da regolamento, si qualificavano di diritto per l’edizione di Sanremo 1997″.

Così i Jalisse, ospite di Pierluigi Diaco a BellaMà, hanno ricordato l’epocale trionfo di Fiumi di Parole, fulmine a ciel sereno di un’edizione passata alla storia. A quella vittoria seguirono sfottò e un bando totale dall’Ariston.

Non potevamo uscire di casa perché venivamo presi in giro. C’erano tanti luoghi comuni su di noi, che oggi si chiamerebbero meme. Aumenta il pane? È colpa dei Jalisse. Vivemmo un forte disagio”. “Ci gettarono addosso fango su fango. Fiumi di Parole un plagio? Quell’accusa era stata mossa dalla stampa, ma era totalmente infondata. Essendo editori di noi stessi, possiamo garantire che non siamo mai stati denunciati o citati per plagio. Siamo stati sempre attaccati in modo negativo. Nel 1998 dovevamo ripresentarci a Sanremo, ma i giornali titolarono che il Festival non ci voleva più. Poi, nel 2000, arrivò una comunicazione dal capo struttura Rai: ‘Abbiamo traghettato il festival dai Jalisse agli Avion Travel e da adesso non ci saranno più ristrutturazioni‘”.

Dal 1998 ad oggi, i Jalisse hanno presentato almeno un brano ad ogni Festival.
Senza mai riuscire a tornare in gara.

Autore

Articoli correlati