Bruce Willis e l’afasia, i Razzie Award ritirano il premio appena assegnato: “Se malato, non è appropriato”

Condividi

I Razzie Award hanno revocato il recente premio per la peggiore interpretazione di Bruce Willis nel corso dell’ultimo anno, 24 ore dopo l’annuncio del ritiro dell’attore, affetto da afasia.
Nell’ultima edizione dei premi i Razzie Award avevano ideato una categoria ad hoc solo per il divo, chiamata “La peggiore interpretazione di Bruce Willis in un film del 2021”, considerando gli otto film girati dal divo e praticamente da nessuno visti.
Cosmic Sin” il titolo del film vincitore.
Quattro giorni dopo la diagnosi di afasia è stata rivelata dalla sua famiglia .
I co-fondatori dei Razzie hanno oggi precisato che “se le condizioni mediche di qualcuno sono un fattore nel proprio processo decisionale e/o nelle proprie prestazioni, riconosciamo che non è appropriato dargli un Razzie”.
In egual misura, e con solo 40 anni di ritardo, è stata finalmente revocata la nomination come peggior attrice in Shining a Shelley Duvall, a causa del trattamento riservatole da Stanley Kubrick durante le riprese. Trattamento che ebbe un forte impatto sulla performance di Duvall (in realtà straordinaria, ma all’epoca Shining venne follemente nominato anche per la peggior regia).

Autore

Articoli correlati