SHINING VALE, trailer e poster della serie horror comedy con Courteney Cox, Greg Kinnear e Mira Sorvino

Condividi

Shining Vale season 1 Key Art. Image IDs: SVL1_090921_1793, SVL1_090921_1820, SVL1_090921_1910, SVL1_090921_1960, SVL1_090921_1979,SVL1_090921_1991, SVL1_090921_2092, SVL1_090921_2096, SVL1_090921_2402, SVL1_090921_3139, Shutterstock_1116062846, Shutterstock_60950188, Shutterstock_1073740067, Shutterstock_1130558084, Shutterstock_1852941040, Shutterstock_402867394, Shutterstock_1283993857, Shutterstock_1083806342, Shutterstock_1700091250, Shutterstock_1444489388, Shutterstock_254565070, Shutterstock_49332850, Shutterstock_1561547599

STARZPLAY ha rilasciato il trailer e il poster della serie horror-comedy Shining Vale creata da Jeff Astrof (Trial & Error, Ground Floor) e da Sharon Horgan (Divorce, Catastrophe) con la candidata all’Emmy Award® Courteney Cox, il candidato Oscar® e vincitore dell’Emmy Award® Greg Kinnear e il premio Oscar® Mira Sorvino.
Shining Vale sarà presentato in anteprima con due episodi consecutivi domenica 6 marzo 2022 su STARZPLAY in Europa, America Latina e Giappone e su STARZ negli Stati Uniti e Canada.
Nella serie troviamo anche Gus Birney (Dickinson), Merrin Dungey (Big Little Lies, The Resident), Dylan Gage (PEN15), con la partecipazione di Judith Light (Impeachment: American Crime Story) e Sherilyn Fenn (Twin Peaks).
La trama?

Pat e Terry Phelps (Courtney Cox e Greg Kinnear) investono i risparmi di una vita per trasferirsi da un angusto appartamento a Brooklyn a una vecchia villa vittoriana a Shining Vale, nel Connecticut, nel tentativo ultimo di salvare il loro matrimonio dopo la torrida relazione di Pat con Frank, un giovane tuttofare che stava riparando il lavandino mentre Terry era al lavoro. A peggiorare le cose per Terry, Frank non ha mai riparato il lavandino ma si è comunque fatto pagare. Patricia “Pat” Phelps è un’ex ragazza ribelle, diventata famosa per aver scritto un romanzo sull’emancipazione femminile intriso di droga e alcol (noto anche come lady porn). Diciassette anni dopo, Pat è sobria e totalmente insoddisfatta. Non ha ancora scritto il suo secondo romanzo, non riesce a ricordare l’ultima volta che ha fatto sesso con suo marito e i figli adolescenti Gaynor (Gus Birney) e Jake (Dylan Gage) non vogliono avere niente a che fare con lei. A causa del trasferimento in una microscopica città i figli adolescenti sono arrabbiati e distaccati e gli sforzi di Terry di tenere unita la famiglia vengono respinti. Pat sta perdendo quel poco di controllo che aveva sui figli, con Gaynor che la vuole vedere morta e Jake che è diventato uno zombi a causa della sua dipendenza dagli schermi, mentre Terry è troppo concentrato sul voltare pagina per notare che lei sta perdendo anche il controllo su se stessa. L’acquisto di una casa vecchia duecento anni che era sul mercato da quasi tre anni e venduta per più di duecentocinquanta mila dollari in meno della richiesta sembrava una buona idea sulla carta, ma Pat sente che i Phelps non sono soli; soprattutto quando una donna appare fuori dalla finestra del salone.
I Phelps scoprono rapidamente perché gli agenti immobiliari erano così motivati ​​a vendere la casa anche sottocosto e perché avessero tralasciando alcuni dettagli incluso un triplo omicidio-suicidio e una miriade di altre atrocità accadute nella casa. Ma né Terry né i due adolescenti sembrano notare che qualcosa non vada; solo Pat può vedere le cose muoversi e sentire rumori nella notte. Convinta di essere depressa o posseduta – si scopre che i sintomi sono esattamente gli stessi – è anche l’unica che vede lo spirito della persona che ha commesso questi omicidi: Rosemary (Mira Sorvino), una casalinga degli anni cinquanta che forse, o forse no, sta tentando di possedere Pat. Ognuno ha i propri demoni, ma per Pat Phelps potrebbero essere reali.

Autore

Articoli correlati