Yellowjackets da record per Showtime

Condividi

Tra le novità seriali di stagione spicca sicuramente Yellowjackets, appena conclusa e andata incontro ad un boom di critica e ascolti.
Con il 100% di recensioni positive su RottenTomatoes, Yellowjackets è diventata la seconda serie più vista di sempre in streaming per Showtime, dietro il reboot di Dexter.
Il finale scioccante della stagione 1 ha interessato oltre un milione di spettatori, accumulando circa 1,3 milioni di spettatori su tutte le piattaforme solo domenica, ovvero più del doppio rispetto alla premiere della stagione. La serie ha raggiunto una media di oltre 5 milioni di spettatori settimanali su tutte le piattaforme USA, ovvero la più alta per una serie al debutto su Showtime da “Billions” nel 2016.
Nel corso della stagione, il pubblico in streaming di “Yellowjackets” è quadruplicato. La serie ha vinto la scorsa settimana il premio WGA Award come migliore serie drammatica e migliore nuova serie. Horror psicologico, storia di formazione nonché saga di sopravvivenza è stata creata da Ashley Lyle e Bart Nickerson (“Narcos”).

“Siamo entusiasti, per non dire altro, del fenomeno Yellowjackets”. ha affermato Jana Winograde, presidente dell’intrattenimento, Showtime Networks, in una dichiarazione. “Il successo sfrenato della serie in termini di spettatori e recensioni è stato entusiasmante, ma la cosa più eccitante è stata vedere ‘Yellowjackets’ esplodere nello zeitgeist collettivo — vedere la passione sfrenata dei fan per i personaggi, le infinite teorie sul mistero che si cela nella storia”.

La prima stagione vede protagonista Melanie Lynskey – che è stata meritatamente nominata per un Critics’ Choice Award la sua interpretazione di Shauna – Christina Ricci, Juliette Lewis, Tawny Cypress, Ella Purnell, Samantha Hanratty, Sophie Thatcher, Jasmin Savoy Brown, Sophie Nélisse, Steven Krueger e Warren Kole.
I creatori sono stati influenzati dalla Spedizione Donner e dal disastro aereo delle Ande del 1972, insieme a Il signore delle mosche e all’idea che “le ragazze non sarebbero cadute nella stessa barbarie dei ragazzi”

Autore

Articoli correlati