Lin-Manuel Miranda e l’Oscar 2022. Il sogno EGOT sta arrivando?

Condividi

41 anni, Lin-Manuel Miranda ha vinto tutto quello che c’era da vincere nel giro di pochi anni. O quasi.
Tre Tony Awards, due Grammy, un Premio Pulitzer, un Emmy, Lil è alla disperata ricerca di quell’Oscar che lo farebbe rientrare nella ristrettissima cerchia chiamata EGOT, ovvero nel listone delle persone che hanno vinto i quattro principali premi annuali statunitensi dedicati all’intrattenimento: Emmy Award, Grammy Award, Premio Oscar e Tony Award.
Ad oggi ci sono riusciti in 16.
Lil prova a diventare il 17esimo da 5 anni, ovvero dall’unica nomination agli Oscar fino ad oggi conquistata con il brano portante di Oceania. Ma mai come in questo 2020 Manuel Miranda si è scatenato, pur di riuscire nell’impresa.
Lil ha infatti prodotto e diretto lo splendido “tick, tick… Boom!“, per Netflix, ha prodotto e composto la colonna sonora di “Sognando a New York – In the Heights” e del cartoon “Vivo“, ha scritto i brani portanti e sceneggiato “Encanto” della Disney. Ma il rischio è quello di rimanere a bocca asciutta anche quest’anno, aspettando il live-action di Hamilton che tanto prima o poi diverrà realtà.

Autore

Articoli correlati