Nuova bufera su Pio e Amedeo ma loro fingono di non capire: “W la LIBERTÀ DI OPINIONE”

Condividi

Rai1 è ieri riuscita nella titanica impresa di ospitare Pio e Amedeo, volti Mediaset, omaggiandoli con un premio “per aver innovato il linguaggio televisivo e la capacità di cogliere tutte le sfaccettature della vita quotidiana, rendendole spettacolari con ironia ed irriverenza”.
Me cojoni. D’altronde che non lo regali un riconoscimento a due ‘comici’ che hanno rivendicato il diritto di dire “neg*o” e “froc*o” sempre, ovunque e comunque perché la lingua italiana è bella in tutte le sue sfaccettature e chi riceve quegli insulti dovrebbe limitarsi a sorridere e a prenderla con ironia?
Non contenti, hanno sfottuto Fedez dal palco dell’Arena di Verona, con il rapper che via social, da sotto le coperte, li ha distrutti. Ma loro, ancora incapaci di cogliere la gravità di quel tristemente celebre monologo andato in onda su Canale 5, vedono e rilanciano.
Pio e Amedeo hanno infatti dedicato “questo premio alla LIBERTÀ DI OPINIONE, augurandoci che la libertà non passi per le decisioni di qualche associazione, che la libertà non passi per l’oligarchia del gusto, augurandoci che la libertà rimanga tale e non sia una decisione di pochi che se ne fregano del sentimento popolare. VIVA LA LIBERTÀ!!!”.
Peccato che la libertà di opinione NON contempli la libertà di insultare. E allora perché non andare in tv a bestemmiare, come giustamente sottolineato da Fedez, nel bel prime time di Rai1, in diretta? “I n*gri e i fr*ci ti rispondono con un sorriso, i cristiani nemmeno, sono obbligati a perdonarti! Un po’ arrugginiti, state perdendo lo smalto, se volete ve ne presto un pochino”, ha concluso Fedez, vincendo ancora una volta gioco, partita, incontro.

 

Autore

Articoli correlati