Emily in Paris, i critici francesi stroncano la serie Netflix: “Imbarazzante, cliché insostenibili”

Condividi

La prima cosa che ho pensato dopo aver visto la prima puntata di Emily in Paris, nuova serie Netflix creata da Darren Star, padre di Sex and the City e Beverly Hills 90210, è stata “non oso immaginare cosa ne penseranno i francesi”.
La seconda, “mamma mia che stronzata”.
E infatti dalla Francia (ma non solo) sono arrivate stroncature monster.
Protagonista dello show è Lily Collins, qui nei panni di un’ingenua e alla moda americana che supera ogni sorta di stereotipo sui francesi nel suo tentativo di diventare un guru dei social media.

Il critico Charles Martin ha scritto per Premiere: “In Emily in Paris apprendiamo che i francesi sono” tutti cattivi”(sì, sì), che sono pigri e non arrivano mai in ufficio prima della fine della mattinata, che spettegolano e sono poco attaccati al concetto di lealtà, che sono sessisti e arretrati e, naturalmente, che hanno un rapporto discutibile con la doccia. Sì, nessun cliché è risparmiato, nemmeno i più deboli”.

E non bisogna essere magnarane per constatare tutto ciò.
Emily in Paris è veramente un trionfo insostenibile dei peggiori luoghi comuni sui francesi.
Su AlloCiné (popolare sito di recensioni per utenti televisivi e cinematografici), Emily in Paris ha ottenuto una valutazione di 2.9 / 5. Un utente ha scritto: “Serie imbarazzante, immagine completamente sbagliata di Parigi. È ridicola, recitato male. Come se Parigi fosse solo moda, romanticismo e croissant. No”,

Un altro ha scritto: “Una serie che avrebbe potuto essere fantastica se non avesse caricaturizzato i francesi. In questa serie i francesi sono descritti come arroganti, sporchi, pigri, cattivi, cinici … ma fortunatamente questa giovane americana arriva a Parigi per spiegare loro come funziona la vita. È semplicemente deplorevole, mi chiedo perché gli attori francesi abbiano accettato di recitare in questa serie “.

Amen.

Autore

Articoli correlati