x

Homemade, pioggia di corti Netflix realizzati da acclamati registi in pieno lockdown da Covid-19 – il trailer

Condividi

Ladj Ly (I Miserabili) – corto filmato a Clichy Montfermeil (Francia)
Paolo Sorrentino (La Grande Bellezza, The New Pope) – corto girato a Roma (Italia)
Rachel Morrison (Black Panther, Mudbound) – corto girato a Los Angeles, (USA)
Pablo Larraín (El Club, Jackie) – corto girato a Santiago (Cile)
Rungano Nyoni (Kuuntele, I am not a witch) – corto girato a Lisbona (Portogallo)
Natalia Beristáin (She does not want to sleep alone) – corto girato a Mexico City (Messico)
Sebastian Schipper (Victoria, Roads) – corto filmato a Berlino (Germania)
Naomi Kawase (True Mothers, Sweet Bean) – corto girato a Nara (Giappone)
David Mackenzie (Hell or High Water, Outlaw King) – corto filmato a Glasgow (Scozia)
Maggie Gyllenhaal – (Lontano da qui / The Honourable Woman) corto girato in Vermont (USA)
Nadine Labaki & Khaled Mouzanar (Caramel, Capernaum) – corto filmato a Beirut (Libano)
Antonio Campos (The Devil All The Time) – corto filmato a Springs, New York City (USA)
Johnny Ma (Old Stone; To live to sing) – corto girato a San Sebastián del Oeste, Jalisco (Messico)
Kristen Stewart – (Clouds of Sils Maria / Come Swim) corto filmato a Los Angeles (USA)
Gurinder Chadha (Sognando Beckham; Blinded by the light – Travolto dalla musica) – corto filmato a Londra (UK)
Sebastián Lelio (Gloria Bell, A Fantastic Woman) – corto filmato a Santiago (Cile)
Ana Lily Amirpour (A Girl Walks Home Alone at Night; The Bad Batch) – corto filmato a Los Angeles (USA)

Eccoli qui gli incredibili registi che hanno dato vita ad una serie di corti che arriveranno su Netflix sotto il titolo HOMEMADE.
Confinati a casa per la pandemia causata dal Coronavirus, questi filmmaker hanno raccontato storie personali e commoventi per catturare la nostra esperienza collettiva della vita in quarantena. Prodotto da The Apartment Pictures, parte del gruppo Fremantle, e Fabula, HOMEMADE è una celebrazione della maestria e dell’artigianalità dell’arte cinematografica, così come del potere duraturo della creatività di fronte ad una pandemia globale.
Realizzati utilizzando solo attrezzature trovate a casa, le storie variano da diari intimi della vita quotidiana dei registi a brevi racconti di fantasia e spaziano in una varietà di generi, offrendo una lente d’ingrandimento su come il lockdown ha colpito diversi paesi e vite in tutto il mondo.
Lorenzo Mieli, CEO di The Apartment, e Juan de Dios Larraín e Pablo Larraín di Fabula hanno radunato filmmaker da ogni parte del mondo per partecipare a questo progetto.
Per l’Italia c’è il premio Oscar Paolo Sorrentino, che ha dichiarato: “Homemade è stata una grande sfida per chi desidera narrare. Trovare nella propria casa, e senza nient’altro a disposizione una storia e dei personaggi mi ha fatto sentire come quando, da ragazzino, sognavo di fare questo lavoro”.

La collezione sarà resa disponibile su Netflix a livello globale il prossimo 30 Giugno 2020.

Autore

Articoli correlati