J. K. Rowling, tweet transfobico: bufera social

Condividi

“Vestitevi come volete. Chiamatevi come volete. Andate a letto con ogni adulto consenziente che volete. Vivete la vostra vita migliore in pace e sicurezza. Ma far perdere il lavoro alle donne per aver dichiarato che il sesso è una cosa reale? Sto dalla parte di Maya”.

J.K. Rowling, madre di Harry Potter, ha pestato una merda di non poco conto sui social, svelandosi al mondo come una trans-exclusionary radical feminist.
La Rowling ha infatti preso le difese di Maya Forstater, ricercatrice licenziata dopo aver scritto sui social che una persona non può cambiare il proprio sesso dal punto di vista biologico.
Transfobia bella e buona, perché così si chiama, che ha scatenato un putiferio social nei confronti della Rowling.
“Ciò che mi sorprende è che le persone intelligenti che ammiro, che sono assolutamente a favore della scienza in altre aree, e sostengono i diritti umani e delle donne stiano cercando di evitare di dire la verità ovvero che gli uomini non possono cambiare diventando donne (perché quello potrebbe far soffrire gli uomini)”, aveva scritto la Forstater (via MoviePlayer), ora difesa da J.K., donna più ricca del Regno Unito.
Ancor più della Regina.
E transfobica.
Gli uomini transgender sono uomini, cara Rowling, così come le donne transgender sono donne.
Fai pace cor cervello, grazie.

Autore

Articoli correlati