Kylie Minogue a Padova, la recensione del concerto da parte di un lettore

Condividi

Ieri sera al Gran Teatro Geox di Padova è approdata Kylie Minogue per la sua unica tappa italiana del Golden Tour.
Una scelta rischiosa e abbastanza incomprensibile quella di scegliere la piccola città veneta invece che una più rassicurante Milano.
Tuttavia, i fan più accaniti non si sono persi d’animo e accorsi da ogni parte del BelPaese hanno riempito il teatro padovano.
Un’atmosfera intima (3000 presenza circa) che ha impreziosito ulteriormente lo show, con una Kyle al top della forma capace di infuocare il colorato parterre con successi del passato ed estratti dalla sua ultima fatica discografica.
Piccola nella statura quanto grande è la sua professionalità, Kylie ha confermato il suo essere un animale da palcoscenico, capace di intrattenere, cantare (…si cantare!e anche molto bene!) ammiccare, sorridere così come solo le popparole di vecchia generazione sanno fare.
Magistrale la crew di ballerini che la accompagna così come i costumi le luci e la live band.
Uno spettacolo immensamente gaio tra atomosfere country in stile musical e la disco anni ‘80: glitter, coriandoli, sexy cow boy e luci arcobaleno un pò ovunque.
Terribilmente ingiusto vedere un talento del genere rilegato in un teatro, per una sola data, quando potrebbe far da scuola e dopo scuola alle nuove generazioni di artiste.
Kyle ieri sera ha dimostrato di saperci ancora fare, e di farlo molto bene.
E noi, malinconici fan della fatina del pop, ci culliamo nell’illusione di un suo tardivo riscatto.

A firmare questa breve recensione dell’unico concerto italiano di Kylie Minogue, andato in scena ieri a Padova (QUI I VIDEO) un suo fan, nonché lettore di Spetteguless, ovvero Alessandro Rossi, che ringrazion di cuore.
A seguire la scaletta dell’intimo concerto dell’unica e inimitabile Kylie.

Act I
Golden
Better the Devil You Know
In Your Eyes
A Lifetime to Repair

Act II
Blue Velvet (Tony Bennett song) / Confide in Me
Where the Wild Roses Grow (Nick Cave & The Bad Seeds cover) / Shelby ’68
Wow
Can’t Get You Out of My Head

Act III
Slow
Kids (Robbie Williams cover)
The One
Stop Me From Falling

Act IV
Wouldn’t Change a Thing
I’ll Still Be Loving You / Especially for You (Jason Donovan cover)
Lost Without You
All the Lovers

Act V
New York City / Raining Glitter / On a Night Like This
The Loco-Motion (Carole King cover)
Spinning Around

Bis:
Love at First Sight
Play Video
Dancing

Autore

Articoli correlati