60 anni di Madonna, un capolavoro al giorno: ricordiamo Live to Tell

Condividi

madonna-confessions-tour-live-to-tell-jesus

Rimaniamo nel 1986 con l’omaggio quotidiano a Madonna, tra due settimane magnifica 60enne, grazie ad un altro capolavoro estratto da quel mitologico disco che era True Blue.
Live to Tell, traccia portante di A distanza ravvicinata, film con Sean Penn e Christopher Walken.
Strepitosa ballad, Live to Tell divenne video con James Foley alla regia e una Madge quasi acqua e sapone, bionda alla Marilyn Monroe. Diverse le scene estratte dal film, diretto dallo stesso Foley.
Dal vivo, Live to Tell è diventata storia grazie al Confessions Tour, con Madonna appesa ad una croce rivestita di Swarovski. Prima di allora venne eseguita nel corso del Who’s That Girl Tour e nel Blond Ambition Tour.
Senza ombra di dubbio, e con alcuna possibilità di essere smentiti, un capolavoro assoluto.

Omaggi precedenti.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • cantalupo75 3 Agosto 2018 at 13:40

    Nonostante siano passati tanti anni ricordo ancora l’emozione di cantarla assieme ai 70.000 (compresi Penelope Cruz, Pedro Almodovar e Lenny Kravitz) dell’Olimpico a Roma.

  • viking982 2 Agosto 2018 at 10:20

    che canzone spettacolare, ancora oggi suscita in me emozioni e ricordi a tutto spiano !

  • SecondoMarco 2 Agosto 2018 at 10:10

    Capolavoro assoluto ed indiscutibile… sempre presente nella mia vita.

  • Silly Shark 1 Agosto 2018 at 21:03

    Questa canzone pazzesca si mangia intere carriere di altre cantanti…

    Al MITOLOGICO concerto di Roma del 2006, posso dire con orgoglio che io c’ero! Ed ero anche vicino al palco, dopo infinite ore di coda.

  • BJ 1 Agosto 2018 at 15:16

    Veramente nelle radio Live To Tell fu passata in continuazione, nel singolo c’era la versione edit di 4:36 minuti.
    Inoltre il singolo uscì in primavera, l’album a luglio subito dopo l’uscita del singolo Papa Don’t Preach

  • Una Basica a Las Vegas 1 Agosto 2018 at 12:11

    Madgesty ha trasformato il mondo in una pista da ballo scatenata per decenni, e qualche volta ha pure mancato il colpo, ma con le ballad non ha mai e poi mai sbagliato.
    Un testo che è poesia e una base che ti strega. Grandissima collaborazione con Patrick Leonard.

    Tutti quelli del settore le sconsigliarono di farlo uscire come singolo, lei invece da pazza totale ci ha visto giusto.
    Ha lanciato il suo terzo album pop con una BALLAD che parla di abusi infantili e dalla durata di quasi 5 minuti (bye bye passaggi radio!!!).
    Anche questo significa rischiare e giocarsi il tutto per tutto. Il primo singolo è importantissimo.
    Lei sapeva però di avere una bomba tra le mani, ed era giusto che il mondo si gustasse tale delizia. #1 hit.
    https://www.youtube.com/watch?v=SCP1MN789RA

  • the gabinett imparruccato 1 Agosto 2018 at 11:15

    lo è assolutamente,testo profondo e arrangiamento musicale superbo,pop di alta qualità con venature elettroniche,a ROMA C’ERO ANCHE IO,QUANDO SI ALZO LA CROCE,SCOPPIO UNA GRANDE APPLAUSO,NE SEGUI UN UN INTERPRETAZIONE E UNA VERSIONE,PER ME SUPERIORE A QUELLA DELL’ALBUM https://uploads.disquscdn.com/images/65078fbb90c4753756e637d62246f6867993b897577dc42034e79da57947316d.gif

  • Thefighter 1 Agosto 2018 at 10:56

    Forse la più bella canzone di Madonna, un capolavoro senza tempo che parla del tema dell’inganno, di segreti nascosti e verità non dette ma anche di abusi su minore ( i critici la paragonarono a Luka di Susanne Vega dicendo che entrambe le canzoni trattavano il tema della violenza su minore con la differenza che LTT era molto meno esplicita ). Adoro la voce di Madonna che in questo brano è particolarmente intensa ed espressiva ed il video semplice e suggestivo,caratterizzato da meravigliosi primi piani del bellissimo volto di Madonna.

    PS: Peccato che su youtube non abbiano ancora pubblicato il video ufficiale in HD https://uploads.disquscdn.com/images/771f0039c7239095fbf18b2b3187171ec73f624d5ed8ff5ae238a190b7005a27.jpg

  • lorenzino 1 Agosto 2018 at 10:48

    assolutamente d’accordo, ancora oggi, dopo 30 anni di carriera, la ballad migliore di M, un capolavoro assoluto che non teme il tempo che passa, interpretata sempre magnificamente.