The Voice of Italy, peggior partenza di sempre con il 10.3% di share

Condividi

Prima edizione, 2013 – 3.376.000 telespettatori, 12,34% share
Seconda edizione, 2014 – 2.705.000 telespettatori, 11,15% share
Terza edizione, 2015 – 3.036.000 telespettatori, 12,69% share
Quarta edizione, 2016 – 3.150.000 telespettatori, 14,74% share
Quinta edizione, 2018 – 2.465.000 telespettatori, 10.3% di share

Un flop annunciato? Probabilmente sì.
Prima blind audition dopo 2 anni di stop forzato per The Voice of Italy e dati auditel tutt’altro che eccezionali.
2.465.000 telespettatori, pari al 10.3% di share.
Mai la prima puntata di TVOI era partita con numeri tanto limitati, ma la chiusura (relativamente anticipata) alle 23:30 ha sicuramente fatto perdere qualcosa in termini di share. Pareggio con Canale 5, che piazzava il film tv Tiramisù.
Persino nel 2016, anno in cui si scese sotto i 2 milioni, almeno il debutto fu positivo. Passato l’effetto ‘novità’, tra le altre cose, c’è il rischio ‘tracollo’. Ma in casa Rai… si festeggia.

Schermata 2018-03-23 alle 10.09.33

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Leore 24 Marzo 2018 at 12:01

    Ho commesso un peccato gravissimo, chiedo umilmente scusa

  • Marco 24 Marzo 2018 at 3:25

    Io l’ho beccato xcaso e l’ho seguito, manco sapevo ci fosse. J-Ax regge tutto come sempre con le sue parole, Costantino sembra malato di cancro, ditegli di far qualcosa.

  • ilritorno 23 Marzo 2018 at 23:32

    fuori tema, non capisco perchè sia stato pubblicato il commento.

  • LaS 23 Marzo 2018 at 22:24

    Sono contento di sapere che Cristina Scabbia è in TV.

    È una grandissima artista e musicista. Un po’ come Maneul Agnelli, avrà fatto una scelta ponderata prima di accettare, e poi avrà deciso per il sì per rivitalizzare la popolarità della band.

    D’altronde i Lacuna Coil, come gli Afterhours sono stati un po’ in difficoltà negli ultimi anni vista la crisi discografica e i piccoli tour che riescono a organizzare. Anche se apparentemente può sembrare che si siano “venduti” è un modo per rimanere nel business, altrimenti si rischia di venir tagliati fuori.

  • Artik 23 Marzo 2018 at 20:37

    Ottimo. Io penso l’esatto contrario. 🙂

    Costantino fuori luogo. I giudici totalmente senza interazione. Ognuno va per la sua.

    Poi c’è sta cosa di dipingere Renga come il figo di turno. Boh.

    Al Bano ingessato. La Scabbia che cerca di essere “cagata” da qualcuno. J Ax che ricicla battute.

    Ma soprattutto.. gli altri anni di solito i cantanti a me piacevano praticamente tutti. Ieri non mi sarei praticamente mai girato. :S

  • Giò 23 Marzo 2018 at 16:49

    Non parlerei di flop. E’ stato praticamente il secondo programma più visto, pareggiando quasi canale 5. Certo, la qualità è quella che è, ma il suo risultato l’ha portato a casa

  • Leore 23 Marzo 2018 at 15:03

    Altro caso di transfobia/omofobia da parte di un medico e non punibile dalla legge italiana… http://www.castedduonline.it/marcella-trans-cagliari-la-mia-dottoressa-mi-dato-del-finocchio-m/

  • gs 23 Marzo 2018 at 14:49

    Per una rete come Rai 2 sono risultati di tutto rispetto, al di sopra della media di rete della prima serata

  • Personcina 23 Marzo 2018 at 14:01

    Ma quando riesumi un programma a grande assenza di richiesta che ti aspetti?

  • FRANCESCO 23 Marzo 2018 at 12:12

    Lasciamoli festeggiare, basta che non ci prendano per il culo dicendo che è stata una grande partenza: il programma fa cagare oggi come faceva cagare nelle passate edizioni, punto e basta

  • Gelido 23 Marzo 2018 at 12:11

    beh c’è da dire che il prodotto è molto migliorato rispetto al passato in termini di ritmo, quindi magari si può sperare in qualche piccola crescita