Silvana De Mari a processo per reato di diffamazione contro il Mario Mieli

Condividi

silvana_de_mari

Il prossimo 21 marzo si terrà a Torino l’udienza preliminare del processo contro la Dottoressa Silvana De Mari, imputata del reato di diffamazione continuata e aggravata contro il Circolo di Cultura Omosessuale “Mario Mieli”.

“Il circolo lgbt di Roma è intitolato a Mario Mieli, cantore di pedofili, necrofilia e coprofagia. Posso assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche? O che almeno non ne provino nausea? Posso?”

Evidentemente no. Questa la risposta della Procura di Torino alla domanda della Dott.ssa De Mari, dopo l’ennesima esternazione che ha indotto la magistratura a richiedere il rinvio a giudizio, su querela del Circolo, difeso dall’avvocato Michele Potè di Rete Lenford.

Sono anni che la dott.ssa De Mari e i suoi sodali attaccano impunemente e ferocemente il Circolo Mario Mieli e la comunitaria LGBT+ italiana – dichiara Sebastiano Secci, Presidente del Circolo Mario Mieliquesta volta però abbiamo scelto di non restare a guardare, per il rispetto che dobbiamo ai nostri soci e ai nostri 35 anni di storia associativa. Siamo felici che finalmente queste persone verranno chiamate a rispondere delle loro parole di odio davanti a un giudice e siamo fiduciosi che la magistratura saprà dire a chiare lettere che nel nostro ordinamento non c’è posto per queste gravi e infamanti illazioni”.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • loesi 21 Marzo 2018 at 13:32

    Silvana De Mari è un’omofoba pericolosa. Si vanta perfino di esserlo (“l’omofobia è un diritto umano”, “l’omosessualità maschile è epidemiologicamente devastante” etc. etc.).
    Schifo totale!
    Ciò detto Mario Mieli, e perchè no anche Pasolini, sono personaggi-mito moltro contraddittori e con parecchi lati oscuri. Io li sento molto lontani da me.

  • Alita 21 Marzo 2018 at 5:59

    Bella fogna questa tizia.

  • Julus 20 Marzo 2018 at 21:43

    Da mettere in carcere e buttare la chiave

  • BJ 20 Marzo 2018 at 21:07

    Scommettiamo che verrà assolta con tante scuse?