Sanremo 2018, Pierfrancesco Favino emoziona l’Ariston e Maurizio Gasparri lo insulta – video

Condividi

Il trionfatore del sessantottesimo Festival di Sanremo ha un nome e un cognome.
Pierfrancesco Favino, straordinario attore teatrale e cinematografico che ha impreziosito il palco dell’Ariston con la sue immense doti.
Presentatore, imitatore, ballerino, cantante, spalla, giullare e ovviamente attore, come dimostrato questa sera con l’intenso e toccante racconto sulla condizione degli stranieri. “La notte…”, tratto dal dramma di Bernard-Marie Koltés, prima di cedere il microfono a Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni.

Uno dei momenti più ‘alti’ di Sanremo 2018, ovviamente gratuitamente insultato dall’attuale vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri, tra meno di un mese probabilmente di nuovo al Governo con il centrodestra nonché ex ministro della comunicazione. Evidentemente troppo, parlare di migranti in prima serata per chi da anni fa campagna elettorale suila loro pelle. Questa è l’Italia futura che ci aspetta. Poveri noi.

Schermata 2018-02-11 alle 02.24.36Schermata 2018-02-11 alle 02.24.58

Autore

Articoli correlati

Comments

  • ilritorno 17 Febbraio 2018 at 12:04

    minestrone insensato.

  • Gelido 12 Febbraio 2018 at 13:34

    quindi il problema non è poveri contro ricchi, ma poveri di serie a e poveri di serie b… interessante punto di vista

  • Gelido 12 Febbraio 2018 at 13:30

    ahahahaahaha… divertente!!!

  • Luca Poggel 12 Febbraio 2018 at 5:13

    quelli che tu chiami “c0oglioni” sono quelli che sino a ieri mattina erano contro “l’Europa” ed oggi sono a favore, che erano quelli del “non partito” ed oggi lo sono piu’ degli altri… quelli e questi sono lo specchio dello spauracchio programmato a tavolino per vincere e comandare ma proprio per questo non vinceranno alcuna elezione e molti di quelli che li hanno votati in passato torneranno sui propri passi perchè ormai hanno ampiamente compreso da che parte tira il vento e se basta una leggina per votare un Renzi fregandosene di quella marea oceanica di tasse che ha imposto e Monti con lui agli italiani allora significa che o ci sono soldi da buttare al cesso oppure non esiste interesse verso chi in Italia sta davvero male ed è alla fame. Il M5s come il PD hanno esaurito la spinta di protesta che li ha sostenuti e non perchè i problemi sono stati risolti ma proprio perchè non sono stati in grado di farlo: Roma per tutti ne è l’esempio.

  • Darkdome 12 Febbraio 2018 at 1:02

    Ami Gasparri?

  • CONTROCORRENTE 11 Febbraio 2018 at 19:14

    forse e’ l’unico elemento a cui ti riesci ad aggrappare in un intervento che mette invece il dito su un altro punto.?? . ovvero questa retorica di una parte politica che sfodera i propri interessi solo per i migranti e ritiene quasi secondari i problemi e le difficolta’ degli italiani..poi spiegaci pure cos’e’ il canone.. tanto per svicolare dall’argomento e dalla vergogna

  • SecondoMarco 11 Febbraio 2018 at 16:28

    Favino sei bravissimo e molto preparato.
    Gasparri sei imbarazzante, te e molti altri dei tuoi simili mi fate vergognare di essere Italiano, non mi interessa il tuo parere e dopo tanti giochi, prese per il culo e soldi me ne andrei fuori dai coglioni presto.
    Ma evidentemente avete perso di vista la realtà.

  • Marco 11 Febbraio 2018 at 15:47

    Pierfrancesco strepitoso ma anche a me non è piaciuta la scelta, con tutte le cose che poteva fare proprio andare a prendere il strumentabilissimo argomento migranti. Anche no, soprattutto questo periodo, ma proprio no.

  • basta! 11 Febbraio 2018 at 14:27

    Gasparri sarà un deficiente, ma fare propaganda politica al Festival riempiendoci di clandestini (come bombardano ogni giorno in Tv…) grazie alla comunista M’annoia è qualcosa di penoso….inoltre fate differenza tra rifugiati e chi viene da nessuna guerra per altri scopi!

  • lorenzino 11 Febbraio 2018 at 13:08

    a questo siamo arrivati, il vicepresidente del senato della repubblica che in piena campagna elettorale si scanna sui social con l’assessore alle politiche sociali del comune di milano su un cazzo di monologo di favino a sanremo. se gli italiani si preoccupassero un po’ meno dellle canzonette di sanremo e degli eliminati dell’isola dei famosi e un po’ di più del curriculum dei candidati alle elezioni non sarebbe male…

  • ilritorno 11 Febbraio 2018 at 12:27

    ancora con questa buffonata del canone che lo pagano in tanti? il canone è una tassa sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni televisive. come il bollo auto è una tassa sulla proprietà dell’automobile.

  • ilritorno 11 Febbraio 2018 at 12:06

    audioleso.

  • ilritorno 11 Febbraio 2018 at 12:05

    sotterrati.

  • ilritorno 11 Febbraio 2018 at 12:05

    ho messo due interventi sul twitter di gasparri per esprimere solidarietà a chi veniva insultato da lui e mi ha bloccato. UN VERO ONORE!

  • chiaaa 11 Febbraio 2018 at 11:51

    Ho visto il monologo ieri sera, mi è sembrato molto bravo, ma onestamente non riuscivo a seguire il discorso e a capire bene le parole…

    Mi pare di capire che impersonificasse un immigrato e le sue mille difficoltà nel lavorare in italia e nel trovare rispetto tra razzismo e ignoranza.

  • Luca Poggel 11 Febbraio 2018 at 11:26

    Ci fu un tempo in cui il Festival di Sanremo premiava e omaggiava la voce italiana in tutta la sua bellezza e potenza, con il passare del tempo è diventato soltanto lo specchio di una parte politica che depressa ed illusa continua a riversare su questo spettacolo i propri dubbi ed i propri fantasmi dimenticandosi che il canone lo pagano in tanti ed in tanti non omaggiano gli ultimi sfigati del potere e, peggio ancora, le loro pseudo battaglie. In questo paese grazie a loro ci sono italiani che “provano” a vivere anche sotto i ponti, abbandonati, umiliati nell’indifferenza, ridotti a puro sostentamento da chi poi, come in questa manifestazione, vorrebbe inneggiare all’eguaglianza e alla solidarieta’. Una vergogna.

  • Hugoe 11 Febbraio 2018 at 11:08

    Detesto Gasparri ma l’esibizione di Favino mi ha messo in imbarazzo…

  • fede 11 Febbraio 2018 at 10:56

    Ormai Gasparri è diventato la macchietta di se stesso. Il vuoto cosmico.

  • bix 11 Febbraio 2018 at 10:36

    Niente di nuovo o di strano. Per Favino la contestazione di Gasparri è un onore e una conferma. Sarebbe stato preoccupante il contrario, dato il livello umano bassissimo di Gasparri.

  • wanda ciccone 11 Febbraio 2018 at 10:07

    amo Gasparri e la sua schiettezza, lo ha asfaltato

  • the gabinett imparruccato 11 Febbraio 2018 at 8:39

    prederei a borsetate tutte le gaye che voteranno a destra,kazzo il pd non è perfetto ma almeno renzi ha avuto le palle per andare contro la chiesa conservatrice,voterei anche per 5 stelle,ma sarebbe un voto perso ,sti c0oglioni non si alleano con nessuno,che facessero i cani da guardia,in democrazia servono anche quelli

  • Alita 11 Febbraio 2018 at 5:01

    Ottimo l’intervento di Favino.
    Anche se a quanto pare la politica ha impiegato meno di un secondo per strumentalizzarlo, mi auguro che ai telespettatori sia arrivato un messaggio dritto e capace di stimolare l’empatia.
    Fiorella Mannoia invece proprio non riesco a sopportarla.

  • Luca Poggel 11 Febbraio 2018 at 4:44

    L’ennesima edizione da “jalisse”.