Sanremo 2018, la vera vincitrice è ARISA – il video del duetto con Giovanni Caccamo

Condividi

Tralasciando sia il parruccone che l’abito (look agghiacciante, nel suo complesso), la serata dei duetti di Sanremo 2018 verrà ricordata nei secoli e nei secoli grazie ad Arisa.
L’ex giudice di X-Factor, che quando si limita a cantare non ha quasi eguali in Italia, è infatti riuscita nell’impresa di trasformare una canzone che Giovanni Caccamo aveva distrutto.
Massacrata sia all’esordio, martedì, che a seguire con il bis.
Poi è arrivata lei, tutta voce e sostanza, ed Eterno ha preso senso. Decollando.
L’avesse cantata da sola avrebbe vinto Sanremo 2018 a mani basse.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Armonie Universali 25 Febbraio 2018 at 16:00

    Le si può dire che canta di gola, che non sa cosa sia il diaframma, che è sguaiata e sgraziata, che urla come una pescivendola, che da un punto di vista espressivo/interpretativo non è spicca per versatilità e che a furia di cantar male si è fatta venire dei noduli tali da richiedere l’operazione chirurgica anziché la semplice riabilitazione logoterapeutica.
    Arisa, pur con i suoi evidenti limiti, è parecchie spanne sopra.

  • Gelido 12 Febbraio 2018 at 15:59

    Concordo! Ma voglio aggiungere anche la meravigliosa interpretazione di Alice che c’è stata subito dopo… magia pura

  • A.M. 11 Febbraio 2018 at 10:26

    Assolutamente d’accordo con te.

  • Artik 10 Febbraio 2018 at 22:11

    Personalmente la Amoroso fa canzoni di merda, ma a livello di voce non le si può dire nulla. Tenete conto che, a parte Mina, le ho sentite tutte dal vivo. E trovo siano tutte straordinarie. Amoroso compresa.

  • Apricot 10 Febbraio 2018 at 21:11

    Beh potevi essere cortese e scrivere “Controvento”, anziché correggere a culo…

  • Gegia Hadid 10 Febbraio 2018 at 20:23

    SECONDO ME ti sbagli, e lo scrivo in stampatello perché alla fine sempre di opinioni personali si tratta. Secondo me ha un’abilità vocale unica, non so se la seguivi ai tempi in cui faceva Victor Victoria con la Cabello e si esibiva con cover e intermezzi musicali, era qualcosa di meraviglioso – sempre secondo me 🙂

  • Gegia Hadid 10 Febbraio 2018 at 20:21

    Si ma Gli Stadio e Gabbani sono uomini…intendo dire che il telespettatroce medio si sarebbe concentrato molto sul look nuovo e apparecchio piuttosto che sull’apparenza, non so come sarebbe stata valutata in contrasto agli altri

  • Alita 10 Febbraio 2018 at 20:19

    Amoroso e Malika Ayane sono due poveracce a confronto con Arisa e Giorgia.
    Sia Arisa che Giorgia sono due fuoriclasse, intoccabili.
    Mina ormai non vive più in Italia da secoli e si limita a sfornare i panettoni natalizi.

  • Gegia Hadid 10 Febbraio 2018 at 20:18

    Lungi da me voler paragonare NESSUNO a Mina. Lei è sempiterna, fuori dal tempo, forse la migliore al mondo. Credo che su questo siamo tutti d’accordo!

    In ogni caso ovviamente “la più bella voce italiana” è la mia opinione! Adoro tutte le altre artiste che hai citato, ma preferisco a livello vocale sempre Ari

  • William 10 Febbraio 2018 at 19:56

    Arisa non ha mai vinto il festival di San Remo con “la notte”!

  • Armonie Universali 10 Febbraio 2018 at 18:14

    Proprio la Amoroso non andrebbe citata.

  • Signorino tumistufi 10 Febbraio 2018 at 17:55

    La Amoroso no ti prego.

  • Mr. Radio 10 Febbraio 2018 at 17:52

    mi piace Giovanni Caccamo, ma concordo totalmente con la tua recensione.

  • Fabbru 10 Febbraio 2018 at 15:27

    L’Amoroso proprio no.

  • Marco 10 Febbraio 2018 at 14:50

    Due anni fa hanno vinto gli stadio, per niente noti sul web, gabbani non era nessuno prima dello scorso anno, e Arisa ha già vinto il festival con la Notte.

  • Darkdome 10 Febbraio 2018 at 14:40

    Concordo sul fatto che Arisa ha una voce meravigliosa. La canzone ci ha gudagnato a bomba!

  • alex 10 Febbraio 2018 at 14:30

    ……ragazzi ma scherziamo o cosa?!?!??!?!?!?!?
    Non sono riuscito ad andare oltre il minuto…….sono indecenti entrambi, lui pessimo lei con lui si è persa totalmente, molto meglio sola.
    e la canzone è orrenda
    Smettiamola di dire cazzate

  • Raphaello 10 Febbraio 2018 at 14:24

    Questa ossessione per la “bella voce “ vi sta massacrando.Cosa vuol dire “ la più bella voce italiana “ ? Non è mica lirica,non stiamo parlando di Callas o Tebaldi, non si spiegherebbe il successo trentennale della Nannini che ha una voce tutt’a Che bella, ma molto personale e riconoscibile.Questa Arisa ha la voce di altre mille sconosciute che cantano i jingle delle merendine, e se non la vedeste neanche la riconoscereste,questa è la verità

  • ilritorno 10 Febbraio 2018 at 13:36

    non avrebbe vinto in ogni caso perchè anche se l’avrebbe cantata (e non ragliata come caccamo) sarebbe rimasta una canzone orrenda.

  • Alita 10 Febbraio 2018 at 13:26

    Arisa è una vera potenza.

  • Bless TheQueer 10 Febbraio 2018 at 13:17

    vero. sul piu bello ha avuto divesri problemi…

  • Artik 10 Febbraio 2018 at 12:59

    Ma poi dai “pendimi la mano, scappiamo via lontano”.
    A livello di testi è fra le cose più inascoltabili. Ma è sicuramente un sacco Sanremese.
    E concordo che in bocca ad Arisa sarebbe stato da podio.
    Ma io resto a favore di Moro-Meta.
    Se vince Ron spengo tutto. 🙂

  • Artik 10 Febbraio 2018 at 12:57

    Miglior voce in Italia. BOOM.

    Non paragonerei Arisa a Giorgia, per dire. O alla Amoroso. E personalmente le preferisco pure Malika Ayane, per dire.

    E, tecnicamente, c’è pure ancora in vita anche Mina, che è pertanto ancora “contemporanea”, a modo suo.

    Ma è indubbiamente una gran voce. Non discuto.

  • Fulu 10 Febbraio 2018 at 12:30

    E la cosa incredibile è che nel finale Arisa sbaglia praticamente tutto e se non fosse per le smorfie che fa non si noterebbe minimamente e la canzone risulta nonostante questo comunque una bomba, incredibile!

  • Gegia Hadid 10 Febbraio 2018 at 12:12

    Non avrebbe vinto in ogni caso perché i soliti noti del web l’avrebbero presa come meme e massacrata per il look. Lei è la migliore voce contemporanea in Italia, eppure è terribilmente sottovalutata.