Cannelle, dalla conduzione di Sanremo 1994 all’oblio: ‘ora coltivo olive’

Condividi

sanremo-94-cannelle-oxa

«Alla fine degli anni 80 e nei primi anni 90 grazie alla pubblicità delle caramelle Morositas ero diventata il “sogno proibito” degli italiani. Nel 1994 Pippo Baudo mi portò con lui sul palco dell’Ariston per presentare il Festival di Sanremo. Ma poi il mondo dello spettacolo mi ha girato le spalle, forse proprio perché ho detto di no a tante persone importanti, ma non me ne pento. Non vorrei entrare nei dettagli, dico solo che ora coltivo le olive perché non sono mai scesa a compromessi e non ho ceduto alle avances di persone che pensavano di avere il potere di ottenere tutto quello che volevano. Non mi sono mai venduta, se l’avessi fatto forse sarei ancora in tv».

Così Helena Viranin, in arte Cannelle, è tornata a raccontarsi dalle pagine di SPY.
L’ex modella si è ritirata e vive in Liguria, dove coltiva olive.

Scaled Image

«Non c’è più quella Cannelle ingenua che credeva a tante promesse e anche a qualche favola». «Ho pagato tutti i conti con la vita. Oggi c’è una Cannelle più matura che può giudicare, può dire la sua, può esprimersi come preferisce. Non rinnego la televisione. Molte volte neanche riesco a guardarla perché finisco col pensare che dietro ogni spettacolo possano esserci una serie di compromessi che non mi piacciono».
«Forse sono più felice oggi. C’è stato un momento molto bello di grande ribalta, di successi, di popolarità. Non ci sono state soltanto le Morositas, ma anche il Festival di Sanremo, le prime serate in Rai e molto altro. La vita è fatta di tanti momenti. Alcuni sono particolarmente clamorosi, ma ci sono anche quelli in cui ci si tira da parte. Come dice la Bibbia, c’è un tempo per ogni cosa. In questo momento non sono alla ribalta, ma sono comunque serena».

Barbarella D’Urso segna e porta a casa. Ospiti futuri in agenda.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • lorenzino 9 Febbraio 2018 at 10:53

    beh evidentemente si, ho degli amici in zona che lo usavano abitualmente e che me l’hanno fatto assaggiare. così come ho assaggiato il vino di sting, se ti può interessare, e devo dire che è ottimo pure quello. si tratta si semplice curiosità jon e non ci trovo nulla di straordinario, alla fine ho solo comprato qualche bottiglia di vino e qualche bottiglia d’olio, mica ho sviluppato il vaccino per la poliomelite…

  • Jonikal 9 Febbraio 2018 at 5:25

    ottimo.. ma cosa vuol dire? ma cosa stai dicendo? l’hai assaggiato? No perché tu sai sempre tutto..

  • Francesca Pisu 9 Febbraio 2018 at 2:11

    Infatti il mondo dello spettacolo ,in generale, in Italia straripa di grandi talenti….certo….come no….credici

  • chiaaa 8 Febbraio 2018 at 21:57

    Mah…guardate che “coltivare olive” in Liguria non deve essere un business da poco… ci sono certe zone di quella regione che fanno invidia alla Toscana… avrà senz’altro un business eco-bio che è un sogno di molti e si è tenuta la sua dignità. Uno non deve per forza far spettacolo per tutta la vita, come dice lei sono piacevole parentesi che se non si ripetono forse è molto meglio.

    A meno che tu non sia una cantautore o un attore particolarmente bravo la TV Italiana è fatta da mediocri coglioni per poveri coglioni che la guardano. Magari fino a 25 anni uno pensa che sia “cool” ma quando cresci un attimo sono pochi, pochissimi, i programmi, i mestieri davvero belli in quel settore. Non ultimo è PIENO ZEPPO di Harvey Weinstein a ogni angolo…

  • Aran Banjo 8 Febbraio 2018 at 19:55

    ma pensare che forse non avesse avuto tutto sto talento no eh… sempre colpa di qualcun’altro.. ovviamente

  • Massimo B Inverni 8 Febbraio 2018 at 18:54

    https://uploads.disquscdn.com/images/6c66148bc0788be1f16bcc46203440a845336ea7a3cb27277fb10c23d32f61d1.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/a4e5d6486ae98e453bf3ef7461fe85100eaf5e0dbedb7fd64ea1edd316ca48e7.jpg https://uploads.disquscdn.com/images/7e112ea649c129da8545668fadfa8ec9d6efde14b76b54493c253dbbf814400e.jpg

    Giusto ieri avevo ritrovato queste foto di Cannelle. vista in Puglia nell’Estate 1995 al NAFOURA, in una misera apparizione su basi musicali ( il tutto era molto raffazzonato e pessimo ), dove cantava in playback una assurda versione dance techno di La Vie en Rose…
    Il tutto non andava oltre i 15/20 minuti di ospitata…
    Lei era piuttosto bella, ma se doveva continuare a portare il pane a casa con queste ospitate al limite dell’imbarazzo ha davvero fatto bene a lascir perdere…
    Ok…adesso posso anche buttare le foto 😉

  • lorenzino 8 Febbraio 2018 at 16:05

    lei è caduta nell’oblio e vende il suo olio d’oliva (ottimo, tra l’altro…), in tv abbondano a strafottere personaggi che per rimanere un giorno in più sulla cresta dell’onda vendono crisi familiari, divorzi, matrimoni, aborti, nascite e se serve pure il culo.
    dalla parte di una che ragiona come cannelle tutta la vita…