x

Elezioni 2018, il Movimento 5 Stelle presenta il programma e si dimentica i diritti

Condividi

volantino-20-punti-m5s-1-638-1volantino-20-punti-m5s-2-638

Era già accaduto nel 2016, quando il programma ufficiale di Virgina Raggi si dimenticò completamente dell’argomento, ma certo è che il bis delle ultime ore faccia ancora più rumore.
Il Movimento 5 Stelle ha presentato il proprio programma di Governo per le imminenti elezioni politiche, stilato attraverso 20 punti e 4511 parole.
Una riga sui diritti, che siano LGBT o meno, non si trova.
Inesistenti.
Rimossi.
Anche se a costo zero, semplicemente dimenticati.

Unioni-civili-M5S
Dopo aver preso per il culo l’intero movimento LGBT nell’infinita discussione legata alle unioni civili, con storico voltafaccia a poche ore dal voto che costrinse la maggioranza di Governo a sacrificare la stepchild adoption per portare a casa la legge, i grillini hanno colpito ancora.
C’è davvero di tutto nel programma nazionale dei 5 Stelle, con 2 ulteriori punti da annunciare.
Uno legato agli ANIMALI e l’altro allo SPORT, come verificabile sul sito ufficiale.
Se da parte della destra berlusconiana, che vede Salvini e la Meloni al fianco di Forza Italia, era scontata una simile ‘dimenticanza’, tant’è che anche in questo caso nei 10 punti del programma non c’è traccia dei diritti, da parte dei 5 stelle l’affronto si può definire inaccettabile. La maschera a lungo indossata è finalmente caduta, a Di Maio & Co, sondaggi alla mano primo partito d’Italia tra proposte fantascientifiche e promesse surreali. Ma di Stepchild Adoption, a parole sempre sostenuta, riforma sulle adozioni, IUS soli, legge contro l’omofobia,  gestazione per altri, concrete politiche lavorative e di inclusione sociale sensibili per la realtà transgender, idivieto assoluto alle cosiddette “terapie riparative”,  educazione sessuale scolastica con programmi di informazione e prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibil che si fa educazione alle differenze e  matrimonio gay, neanche l’ombra. Eppure stiamo parlando di semplici richieste di civiltà a cui la politica italiana dovrà prima o poi dare risposta. Ma non la politica grillina. Ora è certificato.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • gs 24 Gennaio 2018 at 20:14

    Tante risate, io non sono neppure grillino, ma un ex PD che non sa cosa votare, solamente stavo dicendo che non mi sembra nulla di cui shockarsi che i diritti non siano una priorità del movimento 5s come non mi sorprendo che non la sia la tutela dei precari da parte di Berlusconi e salvini. Essere chiusi nelle nostre cerchie ci fa apparire assurdo che ci sia qualcuno a cui non interessano i diritti lgbtqi, ma esistono, e un partito è libero di non farne una priorità e farsi votare da quelli per cui il matrimonio egualitario viene dopo mille altre cose o forse mai.

  • Jack Poko 24 Gennaio 2018 at 14:31

    hahahahaha ma dove le leggi ste cazzate. sul sacro blog di topolino! adesso “erano obbligati” ? un complotto del “family day” ? RIDICOLI!

  • Jack Poko 24 Gennaio 2018 at 11:09

    .. telecomandati. Il refrain è sempre lo stesso… “è il PD..”?

  • Jack Poko 24 Gennaio 2018 at 11:07

    “Non è un obbligo per il m5s avere i diritti nel programma, non è che se è una TUA priorità…”
    Forse non ti si accorto che questo non è il blog di “famiglia cristiana” o “la tua cucina”.
    Forse non ti sei accorto che i “diritti civili” non sono una priorità del singolo ma di uno stato sociale avanzato.
    Forse non ti sei accorto che un partito o un movimento sono votati o eletti in base ai quello che SCRIVONO nei loro programmi.
    Forse non ti sei accorto che l’indifferenza, il silenzio e la paura sono complici e causa della violenza, lo sfruttamento e l’omofobia verso le minoranze.
    Forse dovresti essere meno “adepto” e “fedele” al tuo moVi Mento e rivendicare il tuo diritto alla libera opinione e alla libertà di critica anche quando sei minacciato di espulsione.
    Forse. Ma non sono ottimista con i grillini. Tanti auguri!

  • Jack Poko 24 Gennaio 2018 at 10:49

    Il M5S non l’ha votata perchè è arrivato l’ordine dall’altro della ditta. Per semplice calcolo elettorale. E la dimostrazione sta scritta nello loro programma, ANZI NON STA SCRITTA!

  • eXistenZ 22 Gennaio 2018 at 23:11

    Non so cosa c’entri adesso il PD con la constatazione che i 5Stelle ignorano la questione diritti civili nel loro programma. I piddini non saranno eroi, ma i grillini in quanto a diritti a questo punto stanno pure peggio. Ed è ovvio che coloro ai quali sta a cuore questa tematica, NON voteranno 5Stelle. Li si può biasimare?

  • SimSalaMin 22 Gennaio 2018 at 22:18

    ti adoroooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  • abiqualcosa 22 Gennaio 2018 at 20:29

    il range della politica italiana va dall’estrema destra di casaPound alla democraziaCristiana del PD. La sinistra non perviene, neanche quella moderata.

  • ziaassunta 22 Gennaio 2018 at 19:04

    Che vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Silly Shark 22 Gennaio 2018 at 16:55

    Non so proprio chi votare in effetti. Dovrò rileggermi i programmi etc. Ma di certo non voterò un partito che non sa assolutamente di cosa sta parlando.

  • LatinaGaia 22 Gennaio 2018 at 16:29

    Ma basta con questa ipocrisia del PD pro diritti! Erano obbligati ad approvare la legge delle unioni civili per non trovarsi a dover approvare il Matrimonio Egualitario (vedi Germania, Austria ed Australia). E li fate passare come eroi! E’ la solita ipocrita presa per i fondelli.
    E chissà come mai parli di politica solo per screditare i M5S… anche tu BerluscoRenziano??

  • Luca 22 Gennaio 2018 at 16:02

    sono talmente tristi e offesi che le legge sia stata svilita che su questo programma tutto loro non hanno scritto nulla!

  • gs 22 Gennaio 2018 at 15:05

    Non è un obbligo per il m5s avere i diritti nel programma, non è che se è una TUA priorità allora lo deve essere per un partito, che peraltro tu non voti, ed è comunque meglio il silenzio che la voglia di cancellare tutto di salvini-meloni

  • f 22 Gennaio 2018 at 15:02

    Perchè, quelli che voterai tu che cosa promettono? Concrete realtà?

  • Matteo 22 Gennaio 2018 at 14:49

    “Non l’ha fatto neanche Renzi” non mi sembra una scusante, ma soltanto un deviare l’attenzione.

  • Silly Shark 22 Gennaio 2018 at 14:28

    Sì bhé non se li sono dimenticati, semplicemente non li hanno mai appoggiati.
    Comunque vorrei sapere chi dopo aver letto ‘sti 20 punti avrà il coraggio di votarli. Va bene essere stupidini, poco istruiti e inconsapevoli, ma qui si tratta proprio di credere alle favole…

  • Francesca Pisu 22 Gennaio 2018 at 14:01

    Il M5S non voto’ perché la legge fu svuotata e svilita….

  • giannileo 22 Gennaio 2018 at 13:27

    Con il contentino delle unioni civili addio tutto il resto

  • ag-brasc 22 Gennaio 2018 at 13:23

    Minchia, siamo i limiti non del comico (incluso l’ex comico oggi sociopatico del blog), ma del surreale, nel vedere persone della comunità LGBT che, nel momento in cui si fa notare non il plateale becerume, ma il semplice non trovarsi d’accordo coi pentadementi, vieni apostrofato col solito, immancabile, irrimediabile, “il tuo capo Renzi” oppure “e allora il piddì?”.
    Riguardo il fantastico programma five stars, giova far notare che i diritti erano assenti già nel 2013, ché, purtroppo col senno di poi, già avrebbe dovuto insospettire circa l’accalorato prendersi cura della legge Cirinnà, ove è evidente ormai la premeditazione nella coltellata alla legge e noi tutti, poco prima del voto dell’emendamento che l’avrebbe salvata integralmente…

  • ant85 22 Gennaio 2018 at 12:57

    La stepchild non è passata perchè Alfano avrebbe mandato tutti a casa.

  • Ceckitout 22 Gennaio 2018 at 12:38

    Hanno preso in esame tutti i ministeri possibili, tranne quello delle pari opportunità.
    Questo per strizzare l’occhio al loro elettorato fascio-ultracattolico. Quando c’è da prendere posizione questa gentaglia non si schiera mai. Per non perdere voti.

  • DrApocalypse 22 Gennaio 2018 at 12:01

    Renzi non è il mio capo.
    La stepchild adoption è stata cestinata proprio a causa del voltafaccia 5 stelle.
    Lo IUS soli non è stato approvato perché il PD non ha mai avuto una maggioranza al Senato, cosa che molti fingono di non ricordare.

  • stilicho 22 Gennaio 2018 at 11:32

    Ricordiamoci che le unioni civili le abbiamo ottenute non certo grazie a loro….chissà perché questo punto viene sempre “dimenticato”