Martina Colombari e il sesso con Billy Costacurta: ‘non mi sbuccio più le ginocchia’

Condividi

martina-colombari-billy-costacurta

Leggo il titolo di una sua vecchia intervista: ‘Sesso con Billy? Ricordo ancora le capriole’.
«(Ride). Ricorre sempre la battuta delle mie ginocchia sbucciate perché le prime volte eravamo sulla moquette…».

Se le sbuccia ancora, le ginocchia?
«Adesso abbiamo il parquet».

Via Quotidiano.net Martina Colombari è così tornata a parlare delle sue notti di sesso con Billy Costacurta, lasciando un clamoroso dubbio a tutti noi sprovveduti.
Ma il parquet non dovrebbe fare molto più male della moquette? Nel dubbio…

big_848cbf4a-7461-4a99-acfa-428006e2512d

Autore

Articoli correlati

Comments

  • alcor 20 Dicembre 2017 at 22:13

    anch’io sbavavo di brutto per Alberto Tomba

  • lorenzino 20 Dicembre 2017 at 12:24

    se l’alternativa alla bacchettonaggine sono queste volgarità diffuse a mezzo stampa, queste inutili porcate spacciate per aneddoti divertenti e curiosi, culi e cazzi messi in mostra sui social ad ogni occasione e nei momenti meno opportuni, allora sono fiero di pigliarmi del bacchettone, del puritano e pure del bigotto.
    dai retta alex, meglio sentirsi una “vecchia bacchettona” che essere costretti a rincorrere gli altri in questa gara a chi la spara più grossa e più porca, solo perchè i tempi lo richiedono.

  • Leore 20 Dicembre 2017 at 11:37

    Alberto Tomba era un toro per definizione, una bomba sessuale

  • Alessio 20 Dicembre 2017 at 2:05

    Ah meno male. Mi sentivo ‘na vecchia bacchettona. Ma fosse anche solo perché tuo padre o tua madre leggerà sta roba… ma un minimo di pudore no eh?

  • chiaaa 19 Dicembre 2017 at 21:14

    Martina Colombari è una delle donne più invidiate di Milano. Oltre a essere (ancora!) splendida, è ben introdotta in tutti gli ambienti (moda, cinema, televisione) e ha anche una bellissima famiglia. Non ultimo in gioventù si è scopata Alberto Tomba che ai tempi era un toro da monta da paura. Altro che Billy Costacurta.

  • lorenzino 19 Dicembre 2017 at 20:26

    ma perchè queste persone si sentono in dovere di raccontare tutto ma proprio tutto della loro esistenza, pure quello che uno non vorrebbe sentire? e nel dubbio, ma ‘sti cazzi?